Quantcast

Banner Gori
due ragazze di 35 e 21 anni hanno realizzato e diffuso un video
Cronaca Sicilia

La violazione delle ‘zone rosse’ comporta l’arresto

Lo ha ricordato la Procura di Agrigento in merito ad un video sui social in cui ci sarebbe stata la violazione delle ‘zone rosse’.

Lo ha detto Il Procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, città nella quale sono state denunciate due ragazze di 35 e 21 anni poiché hanno realizzato e diffuso un video, raccontando, una in particolare, di “provenire dalla zona rossa” con la conseguenza della violazione di legge.

“In merito ad alcuni video che circolano sui social network, la Procura di Agrigento ricorda che violare le cosiddette zone rosse integra il reato di cui all’articolo 650 del codice penale che prevede la pena dell’arresto fino a tre mesi. Si ricorda poi, anche al fine di evitare di incorrere nel più grave reato di cui all’articolo 438 del Codice penale che le persone che provengono dalle suddette zone devono mettersi a disposizione della competente autorità sanitaria al fine di impedire il propagarsi dell’epidemia” ha specificato il Procuratore capo Luigi Patronaggio.

“La diffusione di false notizie sulla epidemia in corso sui social network può integrare il reato di ‘procurato allarme’ di cui all’articolo 658 del Codice penale” ha aggiunto Patronaggio.

Nell’immagine di copertina il Tribunale di Agrigento.

Adduso Sebastiano

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più