Quantcast

Migranti, Salvini e Di Maio spingono e la tensione sale
Attualità Politica

Vertice a 16 dell’UE, Migranti: Salvini e Di Maio spingono, la tensione sale

Il giorno del vertice a 16 dell’UE è arrivato. Nel pomeriggio a Bruxelles l’Europa vivrà una delle prove più dure della sua storia comunitaria, con 16 Paesi che si presentano al pre-summit convocato dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e vede un tutti contro tutti mai registrato prima. Soprattutto, un praticamente tutti contro l’Italia che “sta facendo politiche anti-europee e dove l’egoismo nazionale è più diffuso” come ora ha detto anche il premier socialista spagnolo, Pedro Sanchez, in un’intervista al quotidiano El País andata in rete a notte fonda.

E sono parole che potrebbero appesantire il clima già teso sulla questione dei migranti per lo scontro in atto tra Italia e Francia.

Ieri, infatti, il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di “bugie” sull’emergenza migranti italiana e ha minacciato sanzioni per cui, il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, dall’alto della sua esperienza in merito, gli ha subito dato dell’arrogante e gli ha chiesto di aprire i porti francesi.

“Arrogante”, “respingitore di donne e bambini a Ventimiglia” ha subito detto Salvini al quale, come da prassi, fa subito eco Di Maio affermando: Macron non solo “è fuori dalla realtà”, ma sta anche candidando la Francia “a diventare il nemico numero uno dell’Italia“.

L’emergenza, secondo il DUO dei viceministri italiani, “esiste eccome ed è alimentata anche dalla Francia con i continui respingimenti alla frontiera” e il presidente Macron, insieme all’Europa intera, deve iniziare a farsene carico.

Insomma, ha tuonato Salvini,

“se l’arroganza francese pensa di trasformare l’Italia nel campo profughi di tutt’Europa, magari dando qualche euro di mancia, ha totalmente sbagliato a capire”.

E questo è. In questo clima, gli attacchi all’Italia ormai arrivano da più fronti e le tensioni sul dossier dei migranti che stanno agitando le capitali inducono anche Angela Merkel, che in questa partita si sta giocando la sua stessa sopravvivenza politica, al pessimismo.

Come se non bastasse lo scontro già in atto con Parigi, tanto per non farsi mancare nulla, il Duo ha pensato bene di stuzzicare ancor più Malta per cui, nel pomeriggio, con il caso Lifeline ancora lontanissimo dal risolversi, arriva anche la bordata del premier maltese Joseph Muscat, urtato dalla richiesta italiana di accogliere la nave della ong:

“Siamo un Paese sovrano e nessuno può dirci cosa possiamo e non possiamo fare. L’italia ha ragione nel dire che la nave ha violato le regole – ha spiegato Muscat in un’intervista all’emittente One Radio – ma ha sbagliato nel dire che dovevano dirigersi verso Malta”.

In serata poi, per chiudere in bellezza una giornata infuocata, arriva, come già accennato all’inizio, l’intervento a gamba tesa del premier spagnolo Sanchez nel quale afferma:

“Ci sono governi come quello italiano che stanno facendo politiche anti-europee e dove l’egoismo nazionale è più diffuso”.

L’affermazione di Sanchez viene espressa in una lunga intervista al quotidiano spagnolo El Paiz e della quale vi riportiamo la parte che riguarda la situazione migranti e quindi l’Italia.

L’INTERVISTA DI SANCHEZ A EL PAIZ:

Questa domenica a Bruxelles parteciperà a un mini-summit informale che affronterà l’immigrazione, la questione che più divide l’Unione europea in questo momento.Tutto indica che le posizioni dell’UE si stanno indurendo. La Spagna le condivide?

La causa fondamentale della crisi migratoria è di origine demografica.

Dal 2018 al 2050, nell’UE continueremo ad avere circa 700 milioni di abitanti, ma l’Africa arriverà a 2400. Il 60% di quella popolazione avrà meno di 25 anni. Il 40% dei bambini che nasceranno nel 2050 saranno in Africa. Non è una sfida che può essere risolta a breve termine. A medio termine, un grande piano Marshall deve essere attuato per stabilizzare democraticamente, economicamente e socialmente i paesi di origine. E a breve termine, l’UE deve regolare i flussi migratori.

Quindi, è demagogico dire che i confini saranno chiusi e recintati in un mondo globale come quello in cui ci troviamo, come anche il dire “porte aperte”.

Il governo del PSOE ha affrontato in passato circostanze simili a queste. Nel 2004 e nel 2006, 90.000 migranti sono arrivati sulla costa delle Canarie. Anche allora abbiamo indicato che dovevamo affrontare questa crisi con un accordo europeo. Non può esserci una risposta unilaterale. Noi con l’Acquarius abbiamo fatto una chiamata alla solidarietà. Ma una cosa è una crisi umanitaria e un’altra è la politica dell’immigrazione. E questa politica migratoria deve avere una risposta europea comune.

L’Italia sta già rifiutando altre barche. La Spagna ne accoglierà ancora?

Non saremo insensibili a queste tragedie umanitarie, ma è evidente che la Spagna da sola non può dare una risposta.

La risposta europea comune può consistere nella creazione di campi al di fuori dei confini dell’UE?

Devo conoscere più in dettaglio la proposta che vogliono fare.

Quella che i paesi di frontiera siano i soli che se ne debbano occupare non mi sembra una soluzione.

L’Euro-fobia è la principale sfida per l’UE. Ci sono governi, come quello l’italiano, dove l’egoismo nazionale è più diffuso, che stanno facendo un discorso anti-europeo. Ma ciò ha anche a che fare con la precedente mancanza di solidarietà da parte dell’UE riguardo a un paese che ospita mezzo milione di esseri umani che provengono dalle coste della Libia.

Il modo migliore per combattere l’Euro-fobia è con una maggiore integrazione. Siamo un governo pro-europeo e andremo al mini-vertice di Bruxelles e al Consiglio con la volontà di dare una risposta comune.

Il suo discorso, come quello del presidente francese è molto europeista. La Spagna e la Francia sono alleate in questa occasione?

Ho avuto l’opportunità di chattare con Macron e c’era una coincidenza in termini di obiettivi di immigrazione. Apprezzo l’aiuto che hai fornito con l”Acquarius come anche la vicinanza nella politica di integrazione economica e monetaria. Misure significative sono state prese nel bilancio della zona euro, vorrei che uno degli elementi fondamentali fosse la creazione, una volta per tutte, della tassa sulle transazioni finanziarie e che l’unione bancaria potesse essere completata. Avere una garanzia comune e un fondo di deposito sarebbe un passo decisivo mettendo in moto un tesoro unico.

Vuole unirsi all’asse Parigi-Berlino, tenendo conto che l’Italia verrà lasciata fuori?

È una scelta del governo italiano. Quello che vogliamo è che ci sia un fronte pro-europeo che riduca l’Euro-fobia. Vogliamo incorporare altri paesi che sono anche europeisti. Vogliamo rinforzare l’asse Madrid-Parigi-Berlino.Se si analizza la prospettiva storica, ogni volta che Francia, Germania e Spagna sono andate di pari passo, l’UE ha fatto bene. Vorrei incorporare anche Lisbona. Penso che la prospettiva iberica ci si adatti molto bene e, inoltre, con un governo socialista amichevole.

Cosa cambierà nella politica di immigrazione? Stanno per eliminare il CIE?

Riguardo al CIE, siamo aperti al suo miglioramento.

Ma non alla sua eliminazione.

Ma non alla sua eliminazione, perché è evidente che ne abbiamo bisogno. Per quanto riguarda le concertazione, la Spagna ha una politica rigorosa di controllo dei flussi migratori, ma i diritti umani possono essere rispettati. Stiamo studiando come sostituire la concertazione. Questo non significa che la Spagna aprirà le porte. I flussi migratori possono essere controllati senza dover ferire o danneggiare un essere umano.

Redazione/web/El Paiz/adnkronos

Print Friendly, PDF & Email
Tags

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania