Quantcast

Giuseppe Conte
Politica

Tragedia di Ponte Morandi, il premier Conte: “Non tornerò a Genova a mani vuote”

Tragedia di Ponte Morandi, il premier Conte: “Non tornerò a Genova a mani vuote”

Il decreto per Genova è pronto, ma il nome del commissario ancora non si sa. Il Consiglio dei ministri si è dunque concluso con una notizia a metà per la fase di ricostruzione e gestione delle emergenze del post crollo Morandi, a distanza di un mese esatto dal crollo e alla vigilia della visita del premier Giuseppe Conte sul luogo della tragedia.
Stiamo intervenendo dopo un anno anche per Ischia e per il terremoto in Centro Italia” ha detto Conte in conferenza stampa a a Palazzo Chigi illustrando i contenuti del dl urgenze approvato con la clausola «salvo intese»: il premier ha infatti annunciato che porterà questo testo venerdì a Genova, dove si confronterà con gli amministratori locali: “Sarò a Genova a ricordare la triste ricorrenza, ma non torno a mani vuote, torno con questo decreto per consentire il ripristino delle condizioni di vita delle popolazioni locali”, ha sottolineato il premier.
Il Consiglio dei ministri ha dato anche il via libera alla nomina di un commissario straordinario per gestire le emergenze di Genova, commissario che avrà «ampi poteri», anche se il nome ancora non si sa: sarà indicato con un decreto del Presidente del Consiglio, ha detto Conte, “successivamente”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania