Politica

Modifica Italicum: accordo raggiunto, Cuperlo firma e la minoranza PD si spacca

cuperlo, italicum e referendum

C’è l’accordo su un documento condiviso della commissione del Pd per la modifica dell’ Italicum. E’ quanto si apprende da fonti dem. Il documento ha anche l’ok di Gianni Cuperlo. Il documento del Pd sulla modifica dell’Italicum prevede il superamento del ballottaggio e l’elezione dei deputati nei collegi.

Queste sono le modifiche indicate nel documento approvato da una commissione Pd formata dai vertici del partito (Lorenzo Guerini, Ettore Rosato, Luigi Zanda, Matteo Orfini) e dal deputato della minoranza Gianni Cuperlo:

  • La Commissione propone “la definizione di un premio di governabilità (di lista o di coalizione) che consenta ai cittadini, oltre alla scelta su chi li deve rappresentare, la chiara indicazione su chi avrà la responsabilità di garantire il governo del Paese attraverso il superamento del meccanismo di ballottaggio“.
  • “In merito alla futura elezione dei senatori è confermata l’indicazione espressa dal segretario per assumere la proposta di legge a firma Fornaro-Chiti quale riferimento del Pd per il varo della disciplina ordinaria in materia”.
  • “Le verifiche realizzate rendono possibile la preferenza per un sistema di collegi inteso come il più adatto a ricostruire un rapporto di conoscenza e fiducia tra eletti ed elettori”.

Il testo non assume invece nessun impegno sulla possibilità di assegnare il premio di maggioranza non alla lista, come previsto ora, ma alla coalizione, come chiedono a gran voce i piccoli partiti e non c’è il riferimento al 4 dicembre come dead line per depositare il testo in commissione. E questo ha portato alla presa di distanza dei bersaniani per i quali quell’accordo è una “colossale presa in giro”.

Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e gli altri, quindi, rimangono sulle posizioni del No alla riforma della Costituzione. Da parte del segretario, Matteo Renzi, c’è la consapevolezza che tutto è stato fatto per unire il partito, ma anche di aver tolto ogni alibi al fronte interno del No. Il ‘combinato disposto’ di riforme e legge elettorale, utilizzato dai bersaniani per argomentare il loro No al referendum, pensa Renzi, è ora un’arma scarica.

Lo stesso Rosato ha sottolineato come si sia sgomberato il campo dall’ultimo ostacolo e che qualsiasi ulteriore divisione avrebbe le caratteristiche di una “strumentalizzazione”.

Altra ricaduta positiva derivante dall’accordo, per Renzi e i suoi, è anche il fatto di aver liberato il campo del dibattito pubblico dalla legge elettorale, così da potere preparare il rush finale in vista del 4 dicembre.

Gianni Cuperlo sa di essersi giocato tutto accettando la prova della commissione:  “Ho sottoscritto il documento della commissione perché contiene un passo in avanti su alcuni punti che io stesso avevo indicato nella discussione di questi mesi. Parlo della elezione diretta dei senatori sulla base della proposta Fornaro-Chiti, del superamento del ballottaggio, di un premio ragionevole di governabilità e collegi per riavvicinare i cittadini ai loro rappresentanti” ha commentato Gianni Cuperlo. “E’ chiaro – ha concluso – che da ora in avanti la prova di coerenza e lealtà rispetto a questo impianto spetta a tutti, a partire da chi è alla guida del governo”.

Cuperlo parla quindi di passo avanti su alcuni punti, ma è consapevole che, per evitare di essere caricato della responsabilità di aver diviso al minoranza, dovrà tenere la guardia alta sul rispetto dei punti contenuti nel documento. Per questa ragione invita tutto il partito, “a cominciare da chi è alla guida del governo”, a dare una prova di coerenza.

Bersani e il resto della minoranza, tuttavia, sono decisi a difendere fino all’ultimo le ragioni del No e credono che una parte dell’area di Cuperlo, nei territori, convergere su quella di Speranza. Senza l’indicazione del 4 dicembre, l’accordo rimane una vaga dichiarazione di intenti. “Abbiamo già detto a Gianni che il testo presentato ieri rappresenta una abbondante presa in giro”, sottolinea il deputato Nico Stumpo: “Quello che a noi interessa non è un documento, non è un voto in direzione. Bisognava fare altro da tempo. Se bisognava cambiare la legge elettorale, andava presentato un testo in Parlamento. Questo non era in quello che c’è stato presentato ieri. E, da quello che ho capito, nemmeno in quello presentato oggi”.

LEGGI ANCHE: Slalom di Scalfari tra Trump, Brexit e italica miscela Referendum-Italicum

 

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale