Quantcast

luigi di maio
Politica

Di Maio: “Decreto Dignità non ci sono né commi nascosti né favori a banchiere”

SOVRANITÀ È UNA BELLA PAROLA

Il Vicepresidente del Consiglio e Ministro dello Sviluppo economico e Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio, sulla sua pagina facebook parla di ancora del Decreto Dignità e di come non ci sono commi nascosti che celano qualche vergogna:

Dentro il Decreto Dignità non c’è nessun interesse di partito, non ci sono commi nascosti che celano qualche vergogna, non ci sono favori a nessun imprenditore o a nessun banchiere, a nessun amico, a nessun parente. Questo decreto non è nato dalle pressioni del FMI, della BCE, della Commissione Europea o di qualche Paese o ente straniero. Questo decreto non ha grandi sponsor tra i media nazionali o internazionali, è anzi stato terribilmente osteggiato anche con la diffusione di informazioni false o non verificate. Questo Decreto nasce solo ed esclusivamente per realizzare quanto promesso in campagna elettorale e quindi ciò di cui secondo noi hanno bisogno gli italiani, né più e né meno. E questa per me è politica con la P maiuscola, quella che aspettavamo da tempo e che secondo noi non si faceva perché anziché gli interessi comuni dei cittadini se ne tutelavano altri, ma questa prassi è finita. Quando questo decreto sarà definitivamente approvato, se sarà definitivamente approvato lo deciderà il parlamento, potremmo dire che è il Popolo che rinizia a esercitare la sua sovranità come stabilisce la Costituzione. Sovranità è una bella parola nell’articolo 1 della Costituzione della Repubblica. Oggi posiamo la prima pietra di una nuova Italia che mette al centro il Cittadino e i suoi Diritti e questo è solo l’inizio.

Dionisia Pizzo

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania