Quantcast
Banner Gori
Dillo all'untore
Opinioni

“Dillo all’untore …..” (Roberta TEANO)

“Il male e la paura sono gemelli siamesi” affermava Bauman nel suo libro ”Paura liquida”, ciò significa che nessuno si incontra mai senza l’altro.

In un macabro gioco di specchi sabato sera abbiamo vissuto tutto ciò che può generare la paura e la follia. Sabato sera fuggivano a Torino e fuggivano a Londra, a Torino c’era in atto la demenza alcolica di pochi balordi che ha generato la psicosi di un attentato terroristico provocando il panico di una folla intera, a Londra la realtà di un attentato terroristico, uno degli incubi peggiore nel quale questo secolo è immerso.

Considerando il fatto che l’umanità ha acquistato la capacità, sempre più avanzata, di”autodistruggersi”, come in un film “horror” noi non conosciamo da quale parte verremo attaccati e né da chi.

E’ impossibile prevedere. I terroristi sono ”serpi” in seno perché la maggior parte delle volte sono stati accolti, sono cresciuti, parlano la stessa lingua, usano gli stessi mezzi pubblici e le scuole delle proprie vittima ma le odiano, nel modo più immondo e spietato, in nome di qualcosa che ancora oggi non capiamo.

Hannah Arendt diceva che il male è banale, il bene lo comprendi il male,ahimè, è incomprensibile trascende nel banale e genera terrore.

Hanno generato in tutti noi una paura di quelle che ti rende folli. La paura immobilizza, ti pietrifica la mente, ti gela il sangue nelle vene, si ha una sorta di regressione agli istinti primordiali quella che si è avuta a Torino.

Si scappa ognuno per sé per isteria o per sopravvivenza, la stessa strategia che usa il cacciatore con il cingliale, per prenderlo lo trascina nel vortice della cecità della paura.

Oggi noi viviamo avvolti nel vortice della paura, la prudenza non ci salva e per usare le parole di Ralph Waldo Emerson ”pattinando sopra il ghiaccio sottile, la nostra speranza di salvezza sta nella velocità”.

Bene vorrei che si sviluppasse questo in ognuno di noi, comprendere che la vita è ”veloce”, sprecarla nella paura della “non vita”è un vero peccato.

In fondo fare il loro gioco, alzare muri, chiuderci dentro , avere paura dello straniero, gridare “dillo all’untore…” (generare così una paura collettiva) come “Nei Promessi Sposi” ci porterebbe tutti a rinunciare alla vittoria più grande che un uomo possa conquistare ,la Libertà. Per non parlare dell’alto prezzo in termine di democrazia che dovremmo pagare dall’invasioni degl i”sciacalli” politici, che sulle paure collettive ne fanno il loro cavallo di battaglia

Qualcuno mi dirà che è facile parlare “ma i fatti sono tragici e fanno paura”, intanto i 50 mila ragazzi e non riuniti a Manchester per il mega concerto di Arianna Grande, hanno dimostrato che a vincere, è sempre e solo l’AMORE

Dillo all'untore

LEGGI ANCHE:
A Torino è caccia ai colpevoliNon Se Ne Puo’ Piu’ di coglioni e di assassini (Lo Piano – Saintred)
E’ il momento di scoprire cosa è successo in Piazza San Carlo a Torino.
Piazza San Carlo sia almeno d’esperienza per il futuro
A Torino è caccia ai colpevoli

copyright-vivicentro

Print Friendly, PDF & Email
Tags

In merito all'autore

Avatar

Redazione

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più