Quantcast
Banner Gori
Notizie Varie

Pescivendoli e fruttivendoli napoletani passano le sere di Natale all’addiaccio nei loro banchetti

Non sono solo i medici a dover rinunciare a passare Vigilia e Natale lontano dal calore delle loro case e dei loro familiari, ma anche fruttivendoli e pescivendoli napoletani stanno passando notti all’addiaccio: per loro, le caldi notti in casa sono un ricordo, almeno fino alla Vigilia. Passeggiando per le strade del centro storico (e non solo) partenopeo, si notano infatti anche ad orari decisamente poco tradizionali i negozi ancora aperti, in particolare quelli che si occupano di vendere frutta, verdure e pesce, cibi che vengono letteralmente “presi d’assalto” in occasione delle Feste di Natale

Ore tre del mattino, un freddo quasi polare accentuato da vento ed umidità, eppure loro sono là, avvolti in strati di lana a “presidiare” le rispettive botteghe. Uomini e donne, spesso consorti, che attendono qualche cliente “fuori orario” ma non solo. Come spiegano loro stessi: “Abbiamo talmente tanta roba da sistemare che, anziché metterla dentro alla sera e ricacciare tutto fuori la mattina successiva, facciamo prima a non chiudere proprio”. Un ragionamento che non fa una grinza: con buona pace di chi dice che al Sud magari non si lavora o si lavora meno che in altri posti d’Italia.

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Mara Cotticelli

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più