Cultura

RICUNUSCENZA: poesia di TOTO’ tratta dal libro ‘A Livella (mp3)

Totò

RICUNUSCENZA / RICONOSCENZA: poesia dell’indimenticabile Totò, maestro di vita, conoscitore della stessa e degli uomini, inviata dal Dott. Giuseppe Vollono come commento all’editoriale e all’articolo di politica di questa mattina

Ricunuscenza (ASCOLTA)

TotòStanotte ‘a dint’ ‘o lietto cu ‘nu strillo aggio miso arrevuoto tutt’ ‘a casa, mme so’ mmiso a zumpà comme a n’arillo… E nun me faccio ancora persuaso. Ma comme, dico io po’, cu’ tanta suonne, i’ mme so’ ghiuto a ffa’ ‘o cchiù malamente; sti suonne songo suonne ca te pònno fa’ rummané stecchito comme a niente. I’ steve allerta ‘ncoppa a ‘na muntagna. Tutt’a ‘nu tratto sento ‘nu lamiento. ‘O pizzo addò stev’ i’ era sulagno… Dicette ncapo a me: E chisto è ‘o viento! Piglio e mme mengo pe’ ‘nu canalone e veco sott’a n’albero piangente ‘nu fuosso chino ‘e prete a cuppulone… e sotto a tutto steva ‘nu serpente. – Aiuto! Aiuto! – ‘O povero animale se mettette ‘alluccà cu tutt’ ‘o sciato! Appena mme vedette: – Menu male!… Salvatemi! I’ mo moro asfessiato! – – E chi t’ha cumbinato ‘e sta manera? – ll’ addimannaje mentr’ ‘o libberavo. – È stato ‘nu signore aieressera – mme rispunnette, e ggià se repigliava. – Si nun era pe’ vvuje’, i’ cca murevo facitave abbraccia, mio salvatore! Mme s’arravoglia’ attuorno e s’astrigneva ca n’atu ppoco mme schiattava ‘o core. Lassame! – Lle dicette – ‘O vvi’ ca i’ moro? E chianu chianu mme mancava ‘a forza, ‘o core mme sbatteva… ll’uocchie ‘a fore, mentre ‘o serpente chiu strigneva ‘a morza! – Chisto e ‘o ringraziamento ca mme faje? Chesta e ‘a ricunuscenza ca tu puorte? A chi t’ha fatto bbene chesto faje? … Ca si’ cuntento quanno ‘o vide muorto! – Amico mio, serpente i’ songo nato! … … Chi nasce serpe è ‘nfamo e senza core!… … Perciò t’aggia mangia! Ma t’hè scurdato … ca ll’ommo, spisso, fa cchiù peggio ancora?!

Riconoscenza

TotòQuesta notte dentro al letto con un grido ho messo sottosopra tutta la casa, mi sono messo a saltare come un grillo… E non ne sono ancora persuaso. Ma come, dico io, con tanti sogni, mi sono andato a fare il più brutto; questi sogni sono sogni che ti possono fare rimanere stecchito come niente. Io stavo allerta su una montagna. Ad un tratto sento un lamento. dove stavo io era solitario… Dissi tra me: Questo è il vento! Prendo e mi butto per un canalone e vedo sotto ad un albero che piangeva un avvallamento pieno di pietre… e sotto a tutto stava un serpente. – Aiuto! Aiuto! – Il povero animale si mise a gridare con tutto il fiato! Appena mi vide: – Meno male!… Salvatemi! Sto per morire soffocato! – – E chi ti ha combinato così? – gli domandai mentre lo liberavo. – È stato un signore ieri sera – mi rispose e già si riprendeva. – Se non era per voi qui ci morivo fatevi abbracciare, mio salvatore! Mi si attorcigliò attorno e mi stringeva che un’altro po’ mi scoppiava il cuore. Lasciami! – Gli dissi – lo vedi che io muoio? E piano piano mi mancava la forza, il cuore mi batteva … gli occhi fuori, mentre il serpente stringeva di più la morsa! – Questo è il rigraziamento che mi fai? Questa è la riconoscenza che mi porti? A chi ti ha fatto del bene questo fai? … Sei contento quando lo vedi morto! – Amico mio, serpente io sono nato! … … Chi nasce serpe è infame e senza cuore!… … Perciò ti devo mangiare! Ma ti sei dimenticato … che l’uomo, spesso, fa cose peggiori?!

 

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale