Quantcast
Banner Gori
Cronaca

Macchinisti ubriachi, soppresso Frecciarossa diretto a Napoli

Macchinisti ubriachi, soppresso il Frecciarossa che da Brescia era diretto a Napoli

Capotreno nota che i due macchinisti sono ubriachi, ed il treno viene soppresso. L’episodio è avvenuto nella stazione di Brescia dove stazionava il Frecciarossa diretto a Napoli.

Dalle prime ricostruzioni sarebbe stato lo stesso capotreno ad aver notato che qualcosa non andata, in particolare dopo che aveva richiesto di salire sul convoglio ma i macchinisti non erano stati in grado di aprire le porte. A quel punto avrebbe allertato  la Polfer, la quale ha sottoposto i due macchinisti al test dell’etilometro. Il test sul tasso alcolemico ha confermato il sospetto del capotreno ed il treno Frecciarossa 9604 delle 5,17 in partenza dalla città lombarda e diretto a Napoli è stato soppresso.

Sulla vicenda interviene Trenitalia attraverso una nota stampa spiega: «In relazione alla cancellazione del treno 9604 in partenza da Brescia alle ore 5.17, la stessa è stata disposta da Trenitalia dopo aver accertato la non idoneità dell’equipaggio alla conduzione del treno. Lo stringente e articolato sistema di controlli, predisposto dall’Azienda a garanzia della sicurezza dell’esercizio e dei propri passeggeri, che prevede anche controlli preventivi e a sorpresa sui propri equipaggi, si è rilevato pienamente efficace. Nessuno dei 67 passeggeri in partenza da Brescia è stato fatto salire sul treno che è rimasto chiuso e inaccessibile. Tutti i clienti sono stati immediatamente trasferiti con un treno regionale alla stazione di Milano per poi salire a bordo di un altro treno e raggiungere così la loro destinazione. Con riferimento allo specifico episodio, mai registratosi in precedenza, Trenitalia verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale e si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso».

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Antonio Gargiulo

Antonio Gargiulo

1 Commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Va bene il garantismo e quanto gli fa da corollario ma, come in ogni cosa, farne abuso è cosa abominevole ed inaccettabile come è inaccettabile che Trenitalia dica che “verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale” ma è mai possibile?

    Questi cretini alcolizzati non avrebbero nemmeno dovuto essere assunti (e lecito è, a questo punto, chiedersi come ci siano riusciti e se e quali santi li hanno spinti) ma ora, quantomeno, dovrebbero non solo essere licenziati in tronco ma essere anche presi in carico da qualche PM affinché siano sottoposti a processo per ???? vedano loro, la base è che avrebbero potuto anzi, no, avrebbero SICURAMENTE procurato una strage. Questo per il penale. Per il civile poi, essere chiamati a rispondere dei danni amministrativi alle stesse FFSS ed anche a TUTTI i passeggeri che, indubitabilmente, hanno subito un grave schock emotivo oltre che danni per i ritardi e quanto ne sarà conseguito per la loro vita ed attività.

    Inaccettabile quindi, per tutto quanto già espresso, anche il fatto che Trenitalia dica che “si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”. Come sarebbe: “si riserva”, c’è da pensarci? Bah!

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più