Attualità Cronaca

Berlusconi da Vespa: “Naturale che le donne siano contente di ricevere la corte”

Berlusconi da Vespa

Silvio Berlusconi, durante Porta a porta, ha commentato la lettera firmata da 100 donne francesi, in merito alla questione delle molestie affermando: “Catherine Denevue* ha detto cose sante”

“Perché è naturale – spiega – che le donne siano contente che un uomo faccia la corte. Io non sono molto pratico perché a me sono le donne che fanno la corte. Non è un’offesa fare la corte purché resti nell’eleganza”.

Parola indubbiamente autorevole di esperto in materia.

  1. Gabriella Carlucci e la potenza sessuale di Berlusconi (mp3)
  2. Bagnasco su Berlusconi (mp3)
  3. CASO RUDY – Berlusconi a processo (mp3)
  4. Caso Ruby, la telefonata con Berlusconi registrata dalle olgettine (mp3)
  5. Il dramma delle Olgettine (satira) (mp3)

Chi è Catherine Denevue*

Catherine Denevue è un’attrice francese e ambasciatrice dell’UNESCO. E’ considerata una delle attrici più importanti del #Cinema francese. Tanti i film di cui è stata protagonista e i premi cinematografici vinti. Tra i film interpretati, ricordiamo: “Le collegiali”, “Il vizio e la virtù”, “Ossessione nuda”, “Bella di giorno”, “Tempo d’amore”, “Appuntamento con l’assassino”, “Miriam si sveglia a mezzanotte”, “Speriamo che sia femmina”, “Dancer in the dark“, “8 donne e un mistero”. Ha vinto due Cesar con i film “L’ultimo metrò” e “Indocina”, entrambi come miglior attrice protagonista. Ha vinto un David di Donatello sempre con il film “L’ultimo metrò”, come attrice protagonista straniera. Ha vinto diversi premi alla Mostra del Cinema di Venezia e al Festival Internazionale di Berlino. Diverse le candidature agli Oscar.

  • ndr: Catherine Denevue*, dalle pagine del giornale francese Le Monde ha difeso, insieme ad un altro centinaio di cofirmatarie, la “libertà di importunare” degli uomini, attaccando il femminismo che, a detta loro, porta all’odio verso gli uomini e la sessualitàUn centinaio di donne dello spettacolo lanciano un appello in controtendenza sul caso delle molestie sessuali. Fra queste la più nota e affermata è sicuramente Catherine Denevue. Pur riconoscendo in maniera netta la validità delle tesi femminili e il sacrosanto diritto di essere tutelate, oltre a condividere la battaglia contro gli #abusi, le firmatarie invitano a non drammatizzare alcuni episodi. In particolare, puntano il dito su tutte quelle situazioni che hanno messo alla gogna uomini, padri di famiglia, lavoratori che hanno solo avuto la colpa di toccare magari un ginocchio. Molti di loro sono stati licenziati e additati chissà per quale reato.Gli altri casi a cui la Denevue e le altre donne dello spettacolo fanno riferimento sono quelli relativi a quando l’uomo cerca di strappare un bacio, a quando parla di cose intime in cene di lavoro, a quando manda messaggi a sfondo sessuale ad una donna che non ricambia l’interesse. Catherine Denevue ci tiene a fare una distinzione netta tra ciò che è una vera e reale #violenza sessuale e ciò che può rappresentare un tentativo di approccio verso una donna. Afferma inoltre che le donne sono troppo intelligenti per confondere un tentativo di molestia sessuale con un tentativo di rimorchiare e di provarci. Ci potrebbe essere il contraccolpo nell’uomo che, per paura di essere additato e accusato, magari non lancia più messaggi chiari e inequivocabili del suo desiderio verso la donna. Dice, inoltre, di non riconoscersi in questo femminismo ottuso e che sono altra cosa le battaglie vere e sacrosante per la libertà e la difesa delle donne da stupri e abusi.

 

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicità Elettorale

Categorie

Donazione

Google Play Edicola

Google Play store page

YouTube

Iscriviti al nostro canale

Facebook