Allerta meteo della Protezione Civile Nazionale
Allerta meteo della Protezione Civile Nazionale

Allerta meteo Protezione Civile: Nubifragi nelle Prossime Ore

Nuova pesantissima allerta meteo della Protezione Civile Nazionale.: Vortice Mediterraneo tiene sotto scacco Mezza Italia. Nubifragi nelle Prossime Ore.

Prosegue la fase di maltempo che sta interessando soprattutto le Isole maggiori e gli estremi settori meridionali del nostro Paese. Tutta colpa di un vortice ciclonico mediterraneo collocato poco a ovest della Sardegna e letteralmente bloccato nella sua posizione da un’alta pressione che ne impedisce l’allontanamento.
Attenzione perché i fenomeni che giocoforza si reitereranno su alcune zone del nostro Paese, eleverà nelle prossime addirittura un pericolo alluvionale.

Sotto osservazione rimane, per esempio, la Sardegna che già dalla serata di martedì 9 è stata colpita da piogge a tratti importanti, ma soprattutto persistenti a causa del vortice ciclonico che muove il suo baricentro troppo lentamente, mantenendo così attive condizioni di maltempo sempre sulle medesime aree. Sull’Isola, tuttavia, dopo una prima parte di mercoledì 10 ancora fortemente perturbata, le precipitazioni si faranno via via meno diffuse e si concentreranno soprattutto sui settori sud-orientali dell’Isola.
Per quanto riguarda il resto del Paese, segnaliamo piogge sparse e temporali in fase di intensificazione nel Sud della Sicilia e precipitazioni meno importanti sulle estreme regioni di Nordovest.

Tra sera e la notte, tuttavia, il tempo andrà peggiorando fortemente sulla Sicilia dove si eleverà il rischio di temporali e nubifragi in particolare nell’area più meridionale dell’Isola. Altre piogge interesseranno poi la Calabria più meridionale e ancora il Nordovest, soprattutto Piemonte e la Liguria centro-occidentale.

Vi segnaliamo, inoltre, che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso per le giornate di mercoledì 10 novembre e Giovedì 11 Novembre una pesantissima allerta meteo.

Stante la situazione assai dinamica ed in forte evoluzione, vi consigliamo comunque di seguire i prossimi aggiornamenti.

/ Cristina Adriana Botis / Redazione

Ascolta la WebRadio