juvestabia - editoriale

EDITORIALE: Juve Stabia – Bassano, non chiamatela rivincita

manniello juve-stabia

Ultimi sei giorni di idee, ipotesi, chiacchiere e voci, poi a parlare per la Juve Stabia sarà finalmente il campo. Domenica le Vespe affronteranno il Bassano nel primo turno, a eliminazione diretta, di Coppa Italia.

Inutile negarlo, non appena si è avuta la certezza circa il primo avversario stagionale, la mente di tutti i tifosi stabiesi è volata a quel Bassano – Juve Stabia, primo turno playoff della stagione 2014/15. Il gol annullato a Guido Gomez al minuto 119 fa ancora malissimo; sarebbe stata la rete dell’ 1 – 2, che avrebbe evitato i calci di rigore e che, soprattutto, avrebbe spalancato alla Juve Stabia il passaggio del turno.

Cross forzato ma preciso di Bombagi, stacco di Gomez, palla in rete; l’arbitro Serra che prima convalida la rete, salvo poi annullarla inspiegabilmente: è tutto stampato nella mente dei tifosi, di Cancellotti, unico reduce in campo di quella squadra, di Caserta, oggi allenatore delle Vespe, e di tutti i dirigenti. Probabilmente anche al Presidente Manniello sarà scappato un sorriso amaro, una volta scoperto di dover reincontrare il Bassano.

In questi giorni il termine rivincita è apparso un po’ ovunque per descrivere il match tra Juve Stabia e Bassano.
La vittoria del 17 maggio 2015 avrebbe avvicinato la Juve Stabia alla Serie B, avrebbe scatenato l’entusiasmo di una città intera, avrebbe fatto spiccare il volo alle Vespe. Il match di domenica è il primo turno di Coppa Italia, senza dubbio una gara importante, ma in cui una eventuale sconfitta non farebbe cadere nessuna delle due squadre nella disperazione.

Mettendo da parte i sentimenti del passato, il destino regala a Fabio Caserta la prima panchina proprio a Caserta. La voglia di vedere la nuova Juve Stabia è tanta, così come le ipotesi sulla formazione. Le curiosità maggiori riguardano il ruolo di numero 1, conteso da Bacci e Zanotti, il centrocampo, che ad oggi, continua ad avere in Mastalli il suo faro, e l’attacco, con Lisi, Rosafio e Sandomenico sinonimi di quantità e qualità sugli esterni. Finalmente sarà solo il campo a dare le giuste risposte e le giuste indicazioni.

Sarà giusto puntare sulla voglia di vendicare la sconfitta di Bassano e sulla rabbia per quell’ingiustizia subita ma il peso specifico della gara di due anni fa rispetto a quella di domenica è completamente diverso, quindi no, non chiamatela rivincita.

Raffaele Izzo

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale