Politica

M5S boom a Roma e Torino Renzi “il problema e Napoli”

Ballottaggi

Roma  Le grandi città vanno al ballottaggio il 19 giugno. Servirà infatti il secondo turno per decidere i nuovi sindaci di Roma, Milano, Torino, Napoli e Bologna. A Cagliari si conferma Massimo Zedda, sindaco uscente.

“E’ il solito teatrino della vecchia politica per cui hanno vinto tutti”. Cosi’ Matteo Renzi commentando i dati delle amministrative. “Oggi non siamo tra quelli che dicono che abbiamo vinto”, aggiunge, “e’ un dato molto difficile da commentare”. “Non siamo contenti” – ha aggiunto Rernzi – “Volevamo fare meglio soprattutto a Napoli, dove il risultato e’ il peggiore del Pd. Per la città di Napoli abbiamo un grande problema, da qualche anno li’ non riusciamo ad esprimerci. Vinciamo a Salerno e a Caserta, non esiste un problema Campania ma un problema Napoli”.

A Roma boom del Movimento 5 Stelle. La Raggi trionfa al primo turno dove ha conquistato  il 35,3% dei voti, “Il vento sta cambiando, ci siamo. Roma è pronta a voltare pagina” ha commentato. La grillina al secondo turno se la vedrà con Roberto Giachetti, del Pd, che con il 24,8% stacca di quattro punti Giorgia Meloni. Bocciato Alfio Marchini, candidato sostenuto da Berlusconi che resta fermo attorno al 10%.

A Roma dunque, l’affermazione più netta del M5s. La Raggi: ha ringraziato “tutti coloro che in questi anni hanno creduto in questo progetto ed ha rivendicato: “Stiamo ricostruendo un progetto di comunita’”. Poi ha aggiunto: “Il dato importante è che il Movimento 5 Stelle senza apparentamenti è la prima forza politica a Roma. Lei non sarebbe emozionato? E’ un risultato storico”. Virginia Raggi si dice emozionata perché “potrei essere la prima donna sindaco di Roma, vi rendete conto?”. Così si rivolge ai giornalisti in conferenza stampa nella sede del comitato elettorale. Emozionata anche, prosegue, “perché i romani stanno mostrando di dare fiducia ad un programma serio, moderno e trasparente”.

E poi ha aggiunto: “Non siamo mai andati a caccia di voti. Abbiamo sempre raccontato quello che accadeva nelle istituzioni e cosi’ continueremo a fare, continueremo – ha ribadito – a lavorare sul progetto di Roma”.

Dalle proiezioni risultano al ballottaggio, nelle principali città:

MILANO: le urne hanno dato un esito inatteso a Milano. Non certo per il ballottaggio ma per il pareggio, perche’ di questo si tratta, tra i due principali candidati, Giuseppe Sala per il centrosinistra e Stefano Parisi per il centrodestra. Alla fine distanziati da una manciata di voti, meno di 5mila 224.155 contro 219.219. La maratona e’ finita alle 12: Beppe Sala ottiene il 41,7% dei consensi, Stefano Parisi il 40,78%, Gianluca Corrado il 10,06%, Basilio Rizzo il 3,56%, il radicale Marco Cappato l’1,88%. Il testa a testa, del tutto inatteso, a Milano tra centrosinistra e centrodestra impone una nuova accelerazione alla corsa per Palazzo Marino. Ed e’ gia’ partita la ‘caccia’ ai voti, a quelli dei grillini che hanno votato al primo turno per il loro candidato Gianluca Corrado, che pero’ ha gia’ fatto sapere che i 5 stelle non daranno indicazioni agli elettori, quelli della sinistra di Basilio Rizzo presidente uscente del Consiglio comunale e candidato sindaco della lista Milano in Comune. E anche a quelli che hanno votato per il radicale Cappato..

TORINO: L’ultima volta fu nel 2001 quando si ando’ al secondo turno nella sfida tra Sergio Chiamparino e Roberto Rosso, allora candidato per Forza Italia. Erano quindi 15 anni, come ha fatto notare ieri notte Chiara Appendino, sottolineando il “risultato storico” che Torino non sceglieva il sindaco al ballottaggio. Fra 15 giorni, invece, i torinesi dovranno decidere se confermare come primo cittadino Piero Fassino, forte al primo turno del 41,84%, o scegliere la pentastellata trentaduenne Chiara Appendino, che nel voto di ieri ha ottenuto il 30,9%. Il dato certo che, per ora, emerge dalle urne è che il Pd con il 29,77% non è più il primo partito in città superato dal M5S che si attesta al 30,01% rispetto al 5,26% di cinque anni fa e che nel capoluogo piemontese la percentuale dei votanti si e’ attestata al 57,19% rispetto al 66,53% del 2011.

NAPOLI:  Con 500 sezioni scrutinate su 886 (56%), il sindaco uscente Luigi de Magistris ha ottenuto il 42,64% dei voti, Gianni Lettieri (centrodestra) il 23,86%, Valeria Valente (Pd-Cd-Ala-Udc-Psi) il 21,38%.  “Non daremo indicazioni per il ballottaggio. Vediamo Napoli ora come sceglierà. Gli elettori che ci hanno sostenuto sceglieranno loro”. A dirlo è la deputata Valeria Valente (Pd), candidata del centrosinistra a sindaco di Napoli che non ha centrato l’obiettivo del ballottaggio.

BOLOGNA: “Adesso non è semplicemente Merola contro Borgonzoni, è un referendum sull’idea di città che vogliamo”: cosi’ nella notte il sindaco di Bologna Virginio Merola, candidato per il Pd alla riconferma di Palazzo d’Accursio, quando si delineava all’orizzonte il ballottaggio con il candidato della Lega Lucia Borgonzoni. Dopo un’accesa campagna elettorale, che ha visto piu’volte la presenza in città del leader leghista Matteo Salvini con pesanti scontri tra antagonisti e forze dell’ordine, è finita 39,46 contro 22,27, con la candidata leghista sostenuta dal centrodestra che ha distanziato di netto il candidato M5S, Massimo Bugani, fermo al 16,59.

vivicentro.it/politica –  M5S boom a Roma e Torino Renzi “il problema e Napoli”

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale