Opinioni

TERRORISMO ISLAMICO : L’ultimo bacio

Delle tre piaghe infiammate dalla strage di Orlando – terrorismo islamico, possesso indiscriminato di armi e omofobia – non tutte sembrano sconvolgere tutti alla stessa maniera.

Sul terrorismo si registra l’unanimità, almeno in Occidente. Sulle armi il consenso si restringe all’Europa e alle frange americane più illuminate (Trump direbbe «sfigate»). Invece l’omofobia continua a dividere gli animi, specie a destra, dove sono combattuti tra due disgusti: quello per l’Isis e quello per i gay. Il risultato è che si parla molto del giustiziere, ma pochissimo delle vittime. E chi ne parla combina sfracelli come Carlo Taormina, avvocato che ebbe il suo quarto d’ora di celebrità. Alludendo alla dichiarazione del padre dello stragista, secondo cui a innescare la molla omicida nel figlio sarebbe stata la visione di un bacio omosessuale, Taormina ha scritto: «Se si fossero baciati due etero non sarebbe successo niente». Che è come dire: se al Bataclan avessero suonato musica da camera invece che rock duro, non sarebbe successo niente; se le Due Torri avessero ospitato delle bocciofile invece che delle banche, non sarebbe successo niente; se Charlie Hebdo fosse stata una rivista di cucina etnica invece che di satira estrema, non sarebbe successo niente (questo lo hanno detto davvero).

Il pregiudizio riecheggia certi discorsi che si sentono fare quando una donna è vittima di violenza: se non avesse indossato la minigonna… Quindi mi permetto di completare la profonda riflessione di Taormina. «Se si fossero baciati due etero non sarebbe successo niente, a meno che lei indossasse la minigonna».

vivicentro.it/opinione –  lastampa/L’ultimo bacio MASSIMO GRAMELLINI

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale