Cronaca L'Esperto

Whatsapp: gli aspetti legali che tutti dovrebbero conoscere

Whatsapp
Guida alle principali condizioni d’uso di Whatsapp e agli aspetti inerenti la privacy

Da quando esiste Whatsapp la messaggistica istantanea ha definitivamente “spopolato” tra i cittadini del mondo: persone dei diversi paesi, infatti, possono comunicare e scambiarsi video, foto e messaggi vocali con una semplice connessione ad internet sul proprio telefonino.

Non tutti coloro che utilizzano Whatsapp, però, si sono soffermati ad analizzare gli aspetti legali che caratterizzano il servizio e che formano oggetto delle condizioni d’uso, nonostante queste, al momento in cui si è scaricata l’applicazione, sono state espressamente accettate.

Vediamo quindi quali sono le principali cose da sapere su tale applicazione.

Siti terzi

Innanzitutto, Whatsapp si solleva da qualsiasi forma di responsabilità inerenti gli eventuali link a siti di terze parti trasmessi per il suo tramite: contenuti, privacy policy e pratiche di piattaforme esterne non sono sotto il suo controllo e gli eventuali risvolti di illegalità che ne possono derivare sono di esclusiva responsabilità dell’utente.

Se quindi qualche amico o conoscente utilizza il servizio per reindirizzarci a siti spiacevoli, non potremo far altro che prendercela con lui senza pretendere che il servizio di messaggistica controlli i contenuti derivati da terzi.

Limiti all’utilizzo del servizio

La possibilità di utilizzare Whatsapp, poi, è subordinata alla sussistenza di determinati presupposti: se uno di essi viene meno, viene meno anche il permesso ad utilizzare il servizio.

Innanzitutto gli utenti possono utilizzare l’app solo per fini personali mentre non possono rivendere o pagare altri per l’uso o l’accesso al servizio.

Inoltre il servizio non può essere pubblicato o trasferito, copiato o distribuito né si può tentare di decodificarne, alterarne o modificarne qualsiasi parte.

Infine, ogni utente è ovviamente chiamato a rispettare sia i termini di servizio che le norme sulla privacy predisposte dalla società erogatrice del servizio.

Impegno degli utenti

Whatsapp richiede inoltre una serie di impegni agli utenti che hanno le necessarie abilità tecniche, come quello di non utilizzare sistemi automatizzati finalizzati ad inviare più messaggi di richiesta ai server o quello di evitare di tentare di decodificare il sistema o i protocolli.

A tutti gli utenti è poi richiesto di non raccogliere informazioni personali di terzi (compreso il numero di telefono) dal servizio, né di utilizzare i sistemi di comunicazione che questo offre per scopi di sollecitazione commerciale o di spam.

Diritti di proprietà intellettuale

In materia di proprietà intellettuale, nelle proprie condizioni d’uso Whatsapp chiarisce espressamente che il design del servizio, il testo creato, gli script, la grafica, le funzioni interattive e simili (con qualche eccezione), i marchi e i loghi in esso contenuti, sono di proprietà dell’applicazione o le sono stati concessi in licenza.

Per quanto riguarda gli status degli utenti, si ricorda che questi ultimi sono gli unici responsabili del loro contenuto, tanto che WhatsApp non rilascia alcuna garanzia in merito ad essi. Ogni utente, quindi, deve necessariamente disporre di eventuali licenze, diritti, consensi, autorizzazioni per l’utilizzo di Whatsapp.

Il problema viene in particolar modo in rilievo con riferimento al nome o alle immagini utilizzate nello stato: se si riferiscono a soggetti terzi, se ne deve aver prima acquisito il consenso o, comunque, il permesso.

Contenuti non ammessi

Particolarmente interessante è l’impegno richiesto da Whatsapp ai propri utenti di astenersi dal compiere determinate attività per il tramite del servizio messo loro a disposizione.

In particolare non è possibile inviare materiale protetto da copyright, da segreto commerciale o comunque appartenente a soggetti tutelati da diritti di proprietà.

Nel caso in cui sia violato il diritto d’autore di terzi o altri diritti di proprietà intellettuale, Whatsapp rimuoverà per quanto possibile i relativi invii e status. A tal proposito nelle condizioni di servizio è espressamente definito il percorso da intraprendere nel caso in cui si ritenga che sia stato leso un proprio diritto di tal genere.

Nelle condizioni d’uso è poi chiarito che non è possibile pubblicare falsità che potrebbero danneggiare il servizio o terzi e che non è possibile inviare tramite Whatsapp contenuti illegali in quanto osceni, diffamatori, offensivi, minacciosi, denigratori, razzisti e così via.

Per il tramite di tale applicazione non è inoltre possibile pubblicare pubblicità o sollecitare determinate attività, fingere di essere un’altra persona, inviare o archiviare materiale contenente virus, worm o altri codici, file, script o programmi dannosi, interferire o interrompere l’integrità del servizio o la sua prestazione e i dati in esso contenuti e tentare di accedere al servizio in maniera non autorizzata.

Tutti i contenuti per adulti devono infine essere identificati come tali.

Limitazioni di responsabilità

In maniera molto chiara, Whatsapp dedica una parte delle sue condizioni d’uso a sottolineare le proprie limitazioni di responsabilità.

In particolare nessuna responsabilità è assunta dal servizio per qualsiasi errore o imprecisione dei contenuti con esso trasmessi, per eventuali lesioni personali o patrimoniali conseguenti l’accesso e l’utilizzo del servizio stesso, per eventuali accessi o utilizzi non autorizzati dei suoi server e per tutte le informazioni personali salvate.

Non si ha alcuna responsabilità neanche in caso di interruzione o cessazione del servizio, trasmissione di bug, virus e simili, eventuali errori o omissioni di contenuto, perdite o danni di qualsiasi tipo.

Chi può utilizzare Whatsapp?

Ma l’aspetto forse più importante che emerge dai termini di servizio è che Whatsapp può essere utilizzato solo dai maggiori di 16 anni di età.

Peraltro esso non può essere utilizzato in paesi soggetti a embargo statunitense, che sono stati designati dagli USA come “supporter” del terrorismo o che comunque risultano in qualche particolare elenco tenuto dagli Stati Uniti.

Paesi terzi rispetto agli Stati Uniti

In generale il servizio di Whatsapp è offerto e controllato dagli Stati Uniti d’America.

Fatte salve le limitazioni di responsabilità, quindi, la legge applicabile per eventuali illeciti commessi per il suo tramite è quella del paese ospitante.

Ciò vuol dire che in Italia singoli comportamenti vietati, commessi per il tramite di Whatsapp, saranno comunque sanzionati anche se non lo sono negli USA.

Comportamenti sanzionabili

Ma quali comportamenti che possono essere posti in essere mediante Whatsapp sono sanzionabili?

La risposta, anche alla luce dell’esenzione da responsabilità, è semplice: tutti quelli che possono essere commessi con normali mezzi di comunicazione.

In generale si può dure che è vietato (e il servizio lo dice espressamente) l’invio di messaggi e contenuti di natura razzista, offensiva, pornografica, minacciosa, diffamatoria o comunque illegale.

Privacy

Per quanto riguarda la privacy, infine, con Whatsapp si può stare abbastanza tranquilli, specie negli ultimi tempi.

Il sistema ha infatti recentemente introdotto la tecnologia di crittografia “end-to-end”.

Essa in sostanza fa sì che i contenuti relativi a qualsiasi tipo di scambio avvenuto su Whatsapp siano visibili solo al loro mittente e al loro destinatario. Ne restano esclusi i Governi, gli hacker, le forze dell’ordine e Whatsapp stesso.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli
E-mail: [email protected]
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss ‘Guido Carli’ di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l’Università ‘G. D’Annunzio’ di Chieti – Pescara

vivicentro.it/l’esperto /  StudioCataldi / Valeria Zeppilli / Whatsapp: gli aspetti legali che tutti dovrebbero conoscere

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale