Categorie
Juve Stabia Ultime Notizie

La Gazzetta svela i gironi di Lega Pro – La Juve Stabia insieme a..

La composizioni dei giorni di Lega Pro secondo la Gazzetta dello Sport

L’edizione di oggi de “La Gazzetta dello Sport” ha anticipato la composizione dei prossimi gironi del Campionato di Lega Pro. Al solito, secondo la “Rosa”, si segue il criterio della composizione territoriale.

Partiamo da quello che interessa alla Juve Stabia. Questa dovrebbe essere la composizione del girone C, quello in cui sono inserite le Vespe: Akragas, Casertana, Catania, Catanzaro, Cosenza, Fidelis Andria, Foggia, Francavilla, Juve Stabia, Lecce, Matera, Melfi, Messina, Monopoli, Racing Club Roma, Reggina, Siracusa, Taranto, Unicusano Fondi, Vibonese.

Spiccano Foggia, Lecce e Matera come favorite per la vittoria, con l’ambiziosa Juve Stabia di Manniello che ha tutte le carte in regola per fare da outsider. Per i tifosi stabiesi ha inoltre un occhio di riguardo il Siracusa; i tifosi stabiesi e siracusani solo legati da un gemellaggio lungo ed inossidabile, da pochi giorni onorato da un incontro tra le due tifoserie in memoria di Ciccio Ficili, tifoso siracusano scomparso mesi fa (CLICCA QUI). Saranno quindi due piacevolissime giornate, una a Castellammare ed una a Siracusa, a dare l’ennesima dimostrazione di fratellanza tra le due tifoserie.

Gli altri gironi dovrebbero essere così composti:

Girone A: Alessandria, Arezzo, Carrarese, Como, Cremonese, Giana Erminio, Livorno, Lucchese, Lupa Roma, Monza, Olbia, Piacenza, Pistoiese, Pontedera, Prato, Pro Piacenza, Renate, Robur Siena, Tuttocuoio, Viterbese. Nel girone A spicca come favorita l’Alessandria, che ha messo a disposizione di Braglia una autentica corazzata.

Girone B: Albinoleffe, Ancona, Bassano Virtus, Fano, FeralpiSalò, Forlì, Gubbio, Lumezzane, Maceretese, Mantova, Modena, Padova, Parma, Pordenone, Reggiana, Sambenedettese, Santarcangelo, SudTirol, Teramo, Venezia. Nel girone B invece a contendersi la vittoria sembrano essere Parma, Reggiana ed il Venezia di Pippo Inzaghi.

Raffaele Izzo

Rispondi