Quantcast

Sarri14
Sarri14
SSC Napoli - rassegna stampa

Ci sono cinque similitudini con l’anno del secondo scudetto

La squadra di Sarri come quella di Bigon, entrambe con un leader argentino. Da Maradona ad Higuain il passo è breve. Pare essere cambiato poco o nulla, a parte l’avversario per il titolo. Allora il Milan, adesso la Juve. Il Napoli del secondo scudetto perse male lo scontro diretto (3-0 a San Siro l’11 febbraio ‘90), questo Napoli si è dovuto inchinare alla Vecchia Signora solo per una deviazione fortuita arrivata soltanto nel finale di gara il 13 febbraio. Ventisei anni dopo la storia sembra ripetersi. Gli azzurri allora correvano da lepri, oggi rincorrono da inseguitori. Bigon sfidò nelle ultime dieci gare Roma ed Inter, le due avversarie che Sarri teme di più in questo rush finale di stagione. Il Milan di Sacchi perse a Verona alla penultima giornata, stavolta la Juventus è attesa al Bentegodi a tre turni dalla fine. Corsi e ricorsi storici di cui inevitabilmente a Napoli si tiene conto, visto che da queste parti la scaramanzia ha un valore. La passione con la quale la città sta accompagnando la squadra è la stessa dei tempi d’oro (anche domenica a Palermo il settore ospiti sarà pieno). Al San Paolo è cambiata solo la colonna sonora (dal «porompompero» a «un giorno all’improvviso»). Certo, nel 1990 lo stadio appena ristrutturato era un gioiello. Oggi è rimasto esattamente com’era e quindi è diventato un rudere da ristrutturare. Il fortino è comunque inespugnabile. Nell’anno del secondo scudetto il Napoli non perse mai in casa, fin qui l’imbattibilità interna ha resistito pure in questo campionato. Ferlaino si accomodava dietro una porta e vedeva solo metà partita, De Laurentiis siede comodo in tribuna. Caratteri diversi, modi opposti di gestire il club. Entrambi a modo loro vincenti, ma la differenza (per adesso) è tutta in quel triangolino tricolore. Lo riferisce La Gazzetta dello Sport.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Ciro Novellino

Nato a Castellammare di Stabia, il 24 aprile 1984, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania e all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Diplomatosi al Liceo Classico di Castellammare di Stabia ha conseguito la Laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali prima e quella Magistrale in Archeologia e Storia dell'Arte poi, presso l'Università degli studi di Napoli 'Federico II'. Esercita la professione di giornalista da diversi anni con collaborazioni legate a Tuttojuvestabia, Calcio Napoletano e IlNapolionline. Prima ancora è stato redattore di alfredopedulla.com ed è attualmente giornalista di CalcioNapoli24, caporedattore di Vivicentro.it e responsabile della pagina sportiva della SSC Napoli sullo stesso giornale. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico, L'Orda Azzurra, su Vivi Radio Web. Nella redazione di Radio Marte per il programma 'Chiamate Napoli 081'.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania