Quantcast
Banner Gori
SSC Napoli - primo piano

Albiol: “Noi mai stati favoriti per lo scudetto, è un sogno! Con Sarri…”

“La storia dice che la Juve è più forte, ma noi vogliamo vincere per i tifosi e per la città”

Raul Albiol, difensore centrale del Napoli, si è concesso ad una lunga intervista al quotidiano spagnolo Marca per parlare di campionato, Champions, futuro.

Ecco le sue dichiarazioni:

Gol vittoria contro il Genoa, sei contento?
Contento soprattutto per la vittoria. Restano nove partite e conta solo sommare tre punti su tre punti. Adesso si soffre molto di più. Tutti i rivali hanno un obiettivo: la salvezza, entrare in Europa…”.

Non segnava da gennaio 2016, ma il suo terzo gol in 202 partite con la Napoli può valere uno scudetto. Immagino che è stato celebrato in modo speciale.
“Era passato molto tempo da quando avevo festeggiato un gol e negli spogliatoi C’era il tipico scherzo che mi dicevano che era ora di segnare. Sono felice perché dopo il pari della Juve era importante portare a casa i tre punti. Inoltre, abbiamo sbloccato una partita complicato. Abbiamo avuto altre occasioni, ma la palla non entrava. I minuti passarono, lo 0-0 restava e la tensione cresceva…”

Siete secondi a due punti dalla Juventus a nove giornate della fine. Come vedi la lotta scudetto?
Il nostro obiettivo all’inizio della stagione era arrivare nelle ultime dieci giornate con la possibilità di vincere lo scudetto. Dopo sei stagioni di fila, è ora di cambiare. Negli altri anni la Juve aveva già un grosso vantaggio a questo punto della stagione. Forse dipende da noi e questo è importante”.

Vi sentite sfavoriti?
La Juve è storicamente ed economicamente la squadra più forte in Italia. Ha più di 30 Scudetti, gli ultimi sei consecutivi. Ha disputato nove finali di Champions, due nel ultime tre stagioni e acquista giocatori da 30-40 milioni o più. Quest’anno hanno acquistato Bernardeschi e Matuidi, due anni fa, Higuain e Pjanic. E poi ci sono il Milan e l’Inter, due grandi che non stanno passando il loro miglior momento, la Roma …”.

Vi sentite obbligati a vincere lo scudetto?
No. Non siamo la prima potenza né economicamente né storicamente, anzi siamo i quinti. Su questo non possiamo competere, nè partire come favorito, ma cerchiamo di recuperare l’handicap in altro modo. Volevamo competere contro il club più potente di L’Italia e lo stiamo facendo”.

Come avete raggiunto questo risultato?
Lavorando duramente e dando tutto ciò che abbiamo in molti anni, prima con Benitez e poi con Sarri. Questo gruppo è una famiglia. Tutti inseguiamo lo stesso sogno, lo stesso che vuole realizzare tutta la città 28 anni dopo: vincere lo scudetto. Lo stesso sogno che ha la gente che sta con noi”.

Potrebbe essere quest’anno?
Quando tutto il gruppo va in una direzione, puoi raggiungerlo, ma manca molto. Nove giornate possono sembrare pochi, ma quando si tratta di vincere tutte le partite e tutte le gare solo lunghe“.

Callejón ha ammesso che sogna realizare il gol dello scudetto. Anche Albiol?
Segnare il gol no, ma vincere sì. Non posso nemmeno chiedere molto di più (ride). Vincere il campionato lo sogna tutto il mondo. Siamo quasi ossessionati da questo obiettivo, non pensiamo ad altro, ma è normale voler fare qualcosa di grande e vedere un felice tutta la città. È pazzesco quando arrivi qui e vedi l’amore di Napoli per la squadra e per il calcio”.

Cosa ti ha dato Sarri?
Dal primo giorno con lui sono cresciuto, imparando cose e mi sono trovato molto bene a mio agio. Nei tre anni abbiamo passato, insieme a tutta la squadra, ci siamo divertiti molto. Siamo quasi lo stesso gruppo di giocatori. Stiamo migliorando ogni stagione, lo dicono i numeri, e questo ti dà fiducia per continuare a crescere. La sua idea di gioco si adatta molto buono alle nostre caratteristiche. In questa stagione, inoltre, siamo migliorati molto in difesa. Subiamo meno gol, che è importante per vincere il campionato. Dobbiamo finire tutto questo con un titolo che, spero sia lo scudetto”.

Il vostro è il gioco più bello d’Europa?
Non lo so. Siamo contenti del nostro modo di giocare. Ci saranno persone a cui piaci e qualcuno a cui non piace, ma noi piace tenere palla e attaccare. Non possiamo difenderci nella nostra metà campo, perché abbiamo una squadra di giocatori piccoli e tecnici. Non riesco a immaginare 11 tizi di 1.70 o 1.75 bloccati. Non possiamo giocare così. L’allenatore vuole che giochiamo a due tocchi, niente colpi. Abbiamo lavorato molti anni perché il suo stile è perfetto per i giocatori che abbiamo e siamo cresciuti individualmente e collettivamente. Sarri dice che Albiol è il primo regista del Napoli.

In cosa è migliorato?
Nel corso degli anni ho guadagnato maturità per leggere il gioco e le partite. In campo si nota. L’esperienza ti aiuta a imparare e a ridurre gli errori con l’età”.

Il CIES (Osservatorio del calcio) dice che sei uno dei cinque migliori centri di 2018. Sei il secondo giocatore con più passaggi della serie A e Sarri afferma che Albiol è sottovalutato. Cosa ne pensi di tutto questo?
Non posso dirlo io , ma se lo dice il mister, che se ne intende, ha ragione (sorride). Cerco di fare il mio lavoro e dare il massimo. Il mio obiettivo è aiutare e crescere in ogni allenamento e in ogni partita perché non si smette mai di migliorare. Mi sto divertendo molto”. 

Quanto è decisiva la partita contro la Juve?
Tutti ne parlano di questa partita, ma prima dobbiamo vincerne altre quattro. In caso contrario, non funziona nulla. Ora, se arriviamo con i due punti di differenza che ci sono ora, sarà decisiva”

E’ stato campione del mondo nel 2010 ed Europa nel 2008 e 2012, hai ancora la speranza di andare al Mondiale?
La speranza c’è sempre e bisogna essere pronti. Tutti vorrebbero andare in Russia, ma io cerco di essere concentrato sul Napoli e in queste nove finali che rimangono”.

E’ sorpreso di non essere tornato in Nazionale dal 2015?
È passato un po ‘di tempo e mi manca la Nazionale, ma non dipende da me. In ogni caso, dobbiamo aspettare e rispettare le decisioni del ct. La Spagna è una grande nazionale, con giocatori molto bravi e non è facile essere inseriti”.

Come vede Real-Juve?
“Difficile per entrambi e molto anche. Il Real Madrid è il favorito, ha vinto due Champions di fila”.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più