Quantcast

Banner Gori
SSC Napoli - news

Formisano: “Con il calendario valorizzeremo anche la storia di Napoli. Trasferte? Firmato un protocollo d’intesa, facciamo chiarezza”

Alessandro Formisano, Head of Operations della SSC Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco quanto evidenziato:

“Lo stadio San Paolo ha un settore ospiti diviso in due parti: nell’anello inferiore ospitiamo i tifosi ospiti e risponde alle esigenze della Lega calcio; quello superiore, invece, risponde a quelli Uefa, la questura di Napoli ha però ritenuto opportuno non aprire quest’ultimo per domenica.

Calendario? Siamo andati alla ricerca di location straordinarie che tutto il mondo ci invidia. Abbiamo fatto degli scatti anche permettere in mostra le nostre bellezze, descrivendo questa volta anche un po’ la storia del Regno di Napoli. Ci saranno scatti in luoghi molto belli della città e non solo, per esempio c’è anche la reggia di Caserta.

Quarta maglia? Nlla logica di essere sul mercato con l’abbigliamento tecnico, abbiamo quest’anno pensato ad una collezione che possa essere vicina al gusto del pubblico. Presenteremo a breve qualcosa di estremamente nuovo, che possa andare incontro ai gusti del pubblico.

Trasferte? E’ stato firmato un protocollo d’intesa ma alcuni passaggi sono riferiti alla stagione prossima. Qualcuno lo ha letto con velocità e si sono formate delle convinzioni errate. Sicuramente per la stagione in corso non cambia nulla, per abbonarsi serve la tessera del tifoso che in futuro diventerà un elemento di fidelizzazione delle società. Nulla è cambiato , il protocollo d’intesa dice che l’osservatorio potrà disporre la limitazione per le trasferte ai possessori della fidelity card. I club non potranno, in alcun modo, interferire in queste decisioni”.

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/
Tags

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più