SSC Napoli - news

Ferlaino: “L’idea Maradona nacque da una mancata amichevole tra noi e il Barcellona”

Le sue parole

Corrado Ferlaino ha parlato al Corriere dello Sport:

Quando tutto iniziò, fu (quasi) per caso… 
“In maniera strana, insolita ed anche casuale: il Barcellona voleva organizzare un’amichevole – mi sembra di fine stagione – e interpellò Pierpaolo Marino, all’epoca all’Avellino, che rifiutò e però li dirottò verso di noi, telefonando ad Antonio Juliano, all’epoca direttore generale del club”. 

Si comincia da una partita e si finisce con la trattativa di quel secolo.
“Noi eravamo interessati, eventualmente, a sfidarli dopo il ritiro, nell’avvio della stagione successiva, in quelle che vengono definite amichevoli di lusso. Ipotesi impraticabile. Ma rimanemmo stupiti da un particolare: avrebbero eventualmente giocato senza Maradona, condizione per noi, invece, imprescindibile”.

C’era il trucco. 
“Ci dissero che Diego stava male. Ci informammo e scoprimmo che ormai la rottura era insanabile e che Maradona voleva semplicemente andar via. Da Napoli, partirono Antonio Juliano e Dino Celentano, presero in affitto un appartamento, incontrarono quel fuoriclasse e gli raccontarono la città, gli spiegarono ch’era la più bella del mondo e che era quella adatta al suo genio e al suo carattere”. 

Ci vollero due mesi circa… 
“Più o meno sì, con strappi continui. Pensavano non avessimo i soldi. E, onestamente, proprio così tanti, come quelli che sarebbero poi serviti, non ce ne erano”. 

E quando sembrava finita… 
“Comincia una storia che sembra estrapolata da un film ed invece è tutto vero”. 

La riviva. 
“Ultimo giorno del mercato, sono a Milano, non abbiamo più speranze. Mi chiamano Juliano e Celentano dalla Spagna. Il Barcellona ha deciso: vende”. 

Voi giocaste su più tavoli. 
“Andammo a trattare con il Real Madrid per Hugo Sanchez, a cui in realtà non volevamo arrivare. Però ci sembrava un modo per stuzzicare il Barça, per mettergli pressione. E andò più o meno così, perché sospettarono che, avessimo preso Sanchez, non avrebbero più potuto darci Diego. Era lui che volevamo, nessun altro. A Madrid avrebbero volentieri fregato la concorrenza, e la chiacchierata proseguì. Fino a quando però non arrivò quella telefonata, con la riapertura”. 

In merito all'autore

Ciro Novellino

Nato a Castellammare di Stabia, il 24 aprile 1984, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania e all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Diplomatosi al Liceo Classico di Castellammare di Stabia ha conseguito la Laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali prima e quella Magistrale in Archeologia e Storia dell'Arte poi, presso l'Università degli studi di Napoli 'Federico II'. Esercita la professione di giornalista da diversi anni con collaborazioni legate a Tuttojuvestabia, Calcio Napoletano e IlNapolionline. Prima ancora è stato redattore di CalcioNapoli24, alfredopedulla.com ed è attualmente caporedattore di Vivicentro.it e responsabile della pagina sportiva della SSC Napoli sullo stesso giornale. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico, L'Orda Azzurra, su Vivi Radio Web

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale