Quantcast

Banner Gori
SSC Napoli - approfondimenti

Il Napoli lavora al futuro: Lozano è il primo nome

Giuntoli pronto a chiudere l’affare

Germania-Messico 0-1. E’ il 17 giugno scorso quando, al Mondiale in Russia, un ragazzo di nome Hirving Lozano attira su di sè tutte le attenzioni mediatiche segnando la rete che vale i tre punti contro i campioni del mondo in carica.

A distanza di pochi mesi il 23enne messicano è finito sotto la luce dei riflettori, nel mirino dei più grandi club europei, tra cui il Napoli. Il diesse azzurro Cristiano Giuntoli ha cercato di battere sul tempo la concorrenza bussando alla porta del PSV Eindhoven che ne detiene il cartellino. Carlo Ancelotti ha dato il suo assenso (lo ha seguito durante la rassegna iridata da commentatore per una televisione messicana), del resto 15 presenze condite da 10 reti non sono affatto male, e il suo diesse si è subito mobilizzato per formulare l’offerta giusta, dopo l’ok del presidente partenopeo Aurelio De Laurentiis, che faccia cadere la società olandese e permetta a Lozano di approdare a Napoli. Il PSV è fermo sui 40 milioni richiesti mentre il Napoli ne offre 30 più bonus, se l’offerta non dovesse bastare al club olandese, Giuntoli sarebbe pronto ad inserire anche Amin Younes che tornerebbe in Olanda, dopo l’esperienza all’Ajax, per giocare e tornare ad esprimersi ai livelli che hanno convinto il club partenopeo a puntare su di lui.
Le parti stanno trattando, la distanza è minima: 40 milioni contro 30 più bonus e Younes possono essere facilmente accordabili. Una cosa è certa: a gennaio Lozano resterà al PSV Eindhoven, diventerà azzurro, nel caso, soltanto a giugno.

a cura di Michele Avitabile

RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più