Quantcast

Kalidou Koulibaly Piotr Zielinski Dries Mertens Fabian Ruiz sotto la curva Napoli
SSC Napoli - approfondimenti

Europa League, questo è un Napoli che mette le ali

Il Napoli continua a regalare forti emozioni in Europa League, batte con facilità il Salisburgo

“Concentrazione” ecco la dote maggiore che mister Ancelotti ha preteso dai suoi. La disfatta contro la Juve non ha toccato gli azzurri. Il Napoli dà un chiaro segno di maturità e realizza un 3 a 0 netto contro il Salisburgo tra le mura amiche del San Paolo.

Gli azzurri sono partiti con il giusto approccio, anche se va detto che inizialmente hanno sofferto il pressing degli austriaci. A rompere subito gli equilibri ci ha pensato la coppia M&M, con Mertens che serve Milik in area di rigore, il polacco supera prima Walke poi insacca la palla.

In Napoli ha così preso in mano la bacchetta e comincia a condurre in maniera egregia il match, trovando il gol del raddoppio con Fabian Ruiz che segna colpendo al volo, a cui si aggiunge anche un pizzico fortuna grazie all’autogol firmato da Ouguéné.

Al di là dell’ottima prestazione complessiva della squadra partenopea, come dichiarato anche da Mario Rui in mixed zone, vanno elogiati anche i singoli che hanno reso possibile questa vittoria. Al giovane portiere del futuro, Alex Meret va riconosciuto il merito di aver mantenuto inviolata la porta con i suoi interventi provvidenziali su Dabbur e due volte su Gulbrandsen,

Spostandoci a centrocampo non possiamo che riconoscere il talento di Fabian Ruiz che ormai sta diventando una certezza per questo Napoli. Nel suo ruolo garantisce qualità ed equilibrio e nel match di ieri è apparso ispirato e pieno di iniziativa, quasi si esalta in una serata in cui si corre tanto e segna anche un eurogol.

L’unica nota stonata in questo Napoli forse è Dries Mertens, apparso sottotono. Il belga ha dimostrato di aver sviluppato una sintonia con Milik, ma spreca un’importante opportunità trovandosi a tu per tu con Walke spedendo il pallone in curva. Il San Paolo per dimostrare la propria fiducia al belga in questo periodo non ottimo, al momento della sostituzione gli dedica il coro “Ciro Ciro”. Lo stesso Ancelotti lo esalta in conferenza affermando: “Il primo goal è stato un capolavoro di Mertens. Se avesse fatto anche goal la sua partita sarebbe stata da incorniciare”.

Date le premesse viste in campo in Europa League, prima contro lo Zurigo e poi quelle viste ieri contro il Salisburgo, il Napoli è sempre più sicuro di sé ed è convinto di poter arrivare a Baku per combattere per un trofeo che ormai manca da anni nella bacheca partenopea.

A cura di Antonio Gargiulo

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania