Quantcast

Supercoppa Italiana, Juventus vs LAZIO 2-3
Cronaca Sportiva Serie A

Supercoppa Italiana: Juventus vs LAZIO 2-3

I gol di Immobile e Murgia regalano la quarta SuperCoppa alla squadra biancoceleste, la seconda dell’era Lotito.

Trascinata da un grande Ciro Immobile, la Lazio riesce a battere la Juventus dopo una serie negativa di 10 sconfitte consecutive contro la squadra bianconera, aggiudicandosi cosi il primo trofeo stagionale. Il risultato rende merito allo sforzo profuso dagli uomini di Inzaghi che hanno saputo reagire con grande personalità al doppio colpo infertogli da Dybala.

Formazioni- Con Felipe Anderson non al meglio che parte dalla panchina e Keita fuori dalla lista dei convocati a causa delle voci di mercato che lo vedono prossimo proprio alla squadra bianconera; Inzaghi schiera in avanti il solo Immobile supportato da Milinkovic-Savic e Luis Alberto, Basta preferito a Marusic ed il nuovo acquisto Lucas Leiva subito in campo. Allegri riparte dai titolari della scorsa stagione, con Cuadrado e Mandzukic preferiti ai nuovi acquisti Bernardeschi e Douglas Costa.

Juve subito pericolosa- Al 3’ lancio di Chiellini per Alex Sandro che entra in area e serve Cuadrado, il colombiano anticipa tutta la difesa della Lazio sul primo palo, costringendo Strakosha ad un grande intervento. Non passa neanche un minuto e la Juventus è di nuovo pericolosa con un tiro da fuori area di Higuain neutralizzato ancora una volta dal portiere laziale. In questo primo frangente di gara la Juventus trova molto spazio e quando può, lascia impostare la manovra alla Lazio per poi ripartire in contropiede.

La Lazio prende fiducia- Il primo squillo della Lazio arriva al 17’ quando Milinkovic-Savic intercetta un verticalizzazione e regala al pubblico dell’Olimpico un grande gesto atletico, ma la semi-rovesciata finisce su Benatia. Col passare dei minuti aumenta il numero di giocatori della Lazio che partecipa alla manovra offensiva, nella quale a farsi trovare sempre presente è Luis Alberto.

Il Vantaggio biancoceleste- Al 30’ Milinkovic lancia Immobile che sfruttando una voragine della difesa bianconera, si trova solo davanti a Buffon che è costretto ad atterrare in area l’attaccante; per l’arbitro Massa non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Dal dischetto lo stesso Immobile che con freddezza trasforma il penalty e porta la Lazio in vantaggio. Passano pochi minuti e la Lazio ha l’opportunità di raddoppiare: Milinkovic serve di tacco Basta, ma la conclusione del serbo viene respinta da Buffon che dopo pochi secondi è chiamato agli straordinari,
neutralizzando una sassata da fuori area di Lucas Leiva.

Inizio secondo tempo, ancora Lazio- Al 53’ la Lazio trova il raddoppio: cross di Parolo, Immobile anticipa Barzagli e di testa indirizza il pallone dove Buffon incolpevole, non può arrivarci.
Allegri decide di cambiare e dopo due minuti inserisce i nuovi acquisti De Sciglio e Douglas Costa per Benatia e Cuadrado. È proprio il brasiliano ex Bayern che cerca di dare una scossa ai compagni, prima con un tiro da fuori area ma troppo centrale che non impensierisce Strakosha e qualche minuto più tardi servendo in area Higuain,
ma l’attaccante argentino non trova l’impatto con il pallone a pochi passi dalla porta avversaria.

La juve ritorna in partita- Nel giro di pochi minuti la Juventus agguanta il pareggio: Dybala trova la rete con la specialità della casa: calcio di punizione. La Lazio subisce il contraccolpo e si fa schiacciare dalla Juventus che conquista un calcio di rigore per un atterramento in area di Marusic ai danni di Alex Sandro. Dal dischetto Dybala che non fallisce e porta la squadra sul 2-2. La Lazio sembra crollare, Lucas Leiva esce per crampi e Radu è costretto a stringere i denti per lo stesso motivo, dato che i cambi a disposizione di Inzaghi sono finiti.

Il definitivo 3-2- Ormai agli sgoccioli dei minuti di recupero concessi dall’arbitro, è un guizzo di Lukaku a regalare la gioia al popolo biancoceleste: il belga va via a De Sciglio, mette il pallone in area di rigore ed il nuovo entrato Murgia conclude a rete, facendo esplodere lo stadio Olimpico. Nonostante gli ulteriori due minuti di recupero, la Juventus non trova il pareggio, la Lazio trionfa.

Giovanni De Falco

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania