Quantcast

Roma - news

Roma-Shakhtar, Di Francesco: “Non possiamo accontentarci di fare bene per 45′. Partita importantissima ma prematuro trarre giudizi”

NOTIZIE AS ROMA – La notte da dentro o fuori è arrivata ma la febbre tra il pubblico stenta a salire: ad oggi sono 43 mila i tagliandi venduti. Eppure la posta in palio è di quelle importanti, visto che gli uomini di Di Francesco si giocano l’accesso ai quarti di Champions League e 12 milioni da mettere in cassaforte. Queste le parole di Di Francesco alla vigilia della sfida:

Torna Dzeko dopo la squalifica in campionato. Che momento è per questo giocatore?
“L’ho visto meglio insieme alla squadra perché tutti abbiamo l’obiettivo di passare ai quarti e potremo farlo attraverso il collettivo. Sarà determinante lui come tutta la squadra”

Preoccupato per questa Roma che ultimamente ha giocato le partite a metà?
“Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. E’ ovvio che in tanti momenti di queste gare si è dimostrato di non avere grande continuità. Mi auguro che in questa gara sarà diverso, non possiamo sbagliare. Vogliamo passare il turno e abbiamo davanti una squadra forte quindi non possiamo accontentarci di far bene per 45′”

Cosa non vorrebbe rivedere della partita di andata?
“Dare continuità di prestazione e rivedere determinate situazioni positive in fase difensiva e altre non rivederle, non ce lo possiamo permettere domani”

Come pensa di ovviare al deficit dinamico con lo Shakhtar?
“Se si parte da questo presupposto allora meglio non scendere in campo…Ritengo che la Roma debba avere la spensieratezza, la determinazione e il desiderio di andare a far male agli avversari e per far questo non possiamo essere attendisti. Ovviamente, sapendo che non puoi farlo per tutti i 90′”

La sente come la partita più importante dell’anno?
“Credo sia per tutti importantissima ma è prematuro trarre giudizi. Potrebbe ridare slancio a tutto l’ambiente ma per i giudizi ne parleremo alla fine. MI auguro che la gente sia davvero il dodicesimo uomo in campo”

Non le sembra strano che per una partita del genere si fatichi ad arrivare a 50 mila spettatori?
“E’ cambiato il contesto, il mondo soicial, le televisioni. Dobbiamo essere bravi noi ad avvicinare le persone allo stadio. Il mio richiamo non è alla quantità ma alla qualità della gente, il suo calore sarà determinante al primo passaggio sbagliato”

Si è preparato ai rigori a fine partita?
“Ovviamente sì e ci prepareremo anche oggi perché nel calcio nulla è scontato”

Lei personalmente come la vive? E’ l’occasione di riuscire dove ha fallito Capello, Garcia e Spalletti?
“Non paragonandomi agli altri. Ho il forte desiderio di portare quest squadra ai quarti per poter fare anora meglio. Credo sia una grande chance ma parlo molto podco al singolare ma del contesto nel quale mi sento assolutamente inserito”

Servirà la Roma di Napoli?
“Se fossimo quelli di Napoli non sarebbe male, magari con più qualità quando si costriuisce gioco”

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania