Quantcast

Banner Gori
GP Russia 2017
Cronaca Motori

Gp Russia, Bottas trionfa davanti a Vettel! Raikkonen terzo, sprofonda Hamilton. Le Classifiche

F1, GP Russia 2017: partenza disastrosa della Ferrari, Raikkonen fermo, Vettel beffato da Bottas. Lo start torna a essere il tallone d’Achille?

Valtteri Bottas ha vinto il Gp di Russia, conquistando sul circuito di Sochi il primo successo della carriera. Il finlandese della Mercedes si è imposto davanti alle Ferrari del tedesco Sebastian Vettel e del connazionale Kimi Raikkonen.

Quarto posto per l’altra freccia d’argento dell’inglese Lewis Hamilton che si è lasciato alle spalle l’olandese della Red Bull Max Verstappen e le due Force India del messicano Sergio Perez e del francese Esteban Ocon. A completare la top ten il tedesco della Renault Nico Hulkenberg, il brasiliano della Williams Felipe Massa e lo spagnolo della Toro Rosso Carlos Sainz. Con la seconda piazza odierna Vettel allunga in vetta alla classifica iridata. Il 29enne di Heppenhein guida con 86 punti, seguito da Hamilton a 73, da Bottas a 63 e da Raikkonen a 49.

Gara decisa in partenza. Bottas al via dalla terza posizione in griglia scavalca le due Ferrari alla prima curva portandosi al comando. Niente da fare per Vettel che, partito dalla pole, che ha protetto l’interno, ma si è vista sfilare in accelerazione dalla Mercedes. Il 4 volte iridato è rimasto secondo fino al 27° giro quando Bottas ha cambiato le gomme, cosa che il tedesco ha fatto sette passaggi più tardi. Al rientro in pista i secondi di distacco dal finnico sono 4 e Vettel in pochi giri si porta vicino al leader ma tra doppiaggi e gestione di gara non è mai davvero vicino al sorpasso.

La prima vittoria in carriera di Valtteri Bottas, a Sochi (Russia), porta la Mercedes in vetta alla graduatoria 2017 dei costruttori per un punto sulla Ferrari (seconda e terza nel quarto appuntamento del Mondiale).

ORDINE D’ARRIVO GP RUSSIA 2017

1 Valtteri Bottas Mercedes
2 Sebastian Vettel Ferrari + 1″3
3 Kimi Raikkonen Ferrari + 10″7
4 Lewis Hamilton Mercedes + 34″6
5 Max Verstappen Red Bull + 61″2
6 Sergio Perez Force India + 86″8
7 Esteban Ocon Force India + 95″0
8 Nico Hulkenberg Renault + 96″6
9 Felipe Massa Williams + 1 giro
10 Carlos Sainz Toro Rosso + 1 giro
11 Lance Stroll Williams + 1 giro
12 Daniil Kvyat Toro Rosso + 1 giro
13 Kevin Magnussen Haas + 1 giro
14 Stoffel Vandoorne McLaren + 1 giro
15 Marcus Ericsson Sauber + 1 giro
16 Pascal Wehrlein Sauber + 1 giro
17 Daniel Ricciardo Ritirato
18 Fernando Alonso McLaren Ritirato
19 Jolyon Palmer Renault Ritirato
20 Romain Grosjean Haas Ritirato

CLASSIFICA MONDIALE 2017 COSTRUTTORI

POS TEAM PTS
1 MERCEDES 136
2 FERRARI 135
3 RED BULL RACING TAG HEUER 57
4 FORCE INDIA MERCEDES 31
5 WILLIAMS MERCEDES 18
6 TORO ROSSO 13
7 HAAS FERRARI 8
8 RENAULT 6
9 SAUBER FERRARI 0
10 MCLAREN HONDA 0

CLASSIFICA MONDIALE 2017 PILOTI DOPO IL GP DELLA RUSSIA 

POS DRIVER NATIONALITY CAR PTS
1 Sebastian Vettel GER FERRARI 86
2 Lewis Hamilton GBR MERCEDES 73
3 Valtteri Bottas FIN MERCEDES 63
4 Kimi Räikkönen FIN FERRARI 49
5 Max Verstappen NED RED BULL RACING TAG HEUER 35
6 Daniel Ricciardo AUS RED BULL RACING TAG HEUER 22
7 Sergio Perez MEX FORCE INDIA MERCEDES 22
8 Felipe Massa BRA WILLIAMS MERCEDES 18
9 Carlos Sainz ESP TORO ROSSO 11
10 Esteban Ocon FRA FORCE INDIA MERCEDES 9
11 Nico Hulkenberg GER RENAULT 6
12 Romain Grosjean FRA HAAS FERRARI 4
13 Kevin Magnussen DEN HAAS FERRARI 4
14 Daniil Kvyat RUS TORO ROSSO 2
15 Pascal Wehrlein GER SAUBER FERRARI 0
16 Lance Stroll CAN WILLIAMS MERCEDES 0
17 Antonio Giovinazzi ITA SAUBER FERRARI 0
18 Jolyon Palmer GBR RENAULT 0
19 Stoffel Vandoorne BEL MCLAREN HONDA 0
20 Fernando Alonso ESP MCLAREN HONDA 0
21 Marcus Ericsson SWE SAUBER FERRARI 0

LE PAGELLE di: giandomenico.tiseo@oasport.it

Bottas 9: Freddo e deciso. Sono questi i due aggettivi più adatti per definire la prestazione del finlandese. Per la prima volta sul podio più alto, il finlandese sul circuito cittadino russo conferma di trovarsi a meraviglia, superando allo start entrambe le Ferrari ed imponendo un ritmo indiavolato con le UltraSoft nella prima parte di gara. La rimonta di Vettel viene assorbita bene, salvo quel rischio alla curva 13, ed il successo odierno è pienamente meritato anche per quanto dimostrato in qualifica al cospetto di un Cavallino Rampante estremamente performante su questo tracciato. Un campanello d’allarme per gli avversari, in primis Hamilton?

Vettel e Raikkonen 7.5: Ci sentiamo di attribuire il medesimo voto ai due alfieri della Rossa, autori entrambi di una partenza non eccezionale e di una seconda parte di corsa eccellente. In una gara con una sola sosta, su una pista dove è difficile superare, lo stacco al via è stato letale. Tuttavia la macchina si è dimostrata, specie con le SuperSoft, estremamente performante e la rimonta di Seb su Bottas e il giro più veloce della gara di Kimi (1’36″844) esaltano l’andamento “diesel” della vettura di Maranello. Questo secondo e terzo posto, dunque, può essere visto in una duplice veste: un’occasione mancata ma anche l’essere riusciti ad incrementare il vantaggio, nella classifica mondiale piloti, su Hamilton (Vettel a +13).

Hamilton 4: Quattro come la posizione al termine della gara e la prestazione in qualifica. Una prova anonima per il tre volte campione del mondo sempre in difficoltà su questa pista e mai veramente in grado di essere in lotta per vincere ed avvicinare i tempi del compagno di squadra. I 36″320 rimediati all’arrivo da Bottas sono molti per Lewis che esce con le ossa rotte dal round di Sochi sia nel confronto con il teammate che con le Ferrari. Sebastian sale a +13 in classifica ed il buon Valtteri si avvicina.

Red Bull 5: Il quinto posto di Max Verstappen non può certo nascondere i grossi problemi della vettura di Milton Keynes. Il minuto di distacco rimediato dall’olandese nella gara odierna è un chiaro segnale che, oltre al motore, anche l’aerodinamica non sta dando i frutti sperati. La RB13, a differenza dei modelli precedenti, non sembra essere così performante e ciò, oltre alle problematiche di potenza della power unit Renault, rende la situazione decisamente complicata. In più i problemi di affidabilità che hanno costretto Daniel Ricciardo al ritiro sono l’evidenza di una situazione negativa dei “bibitari”.

Force India 7: Avrà suscitato l’interesse per la curiosa colorazione ad inizio anno ma la vettura guidata da Sergio Perez (6°) e Estaban Ocon (7°) a punti anche oggi si conferma di una grande solidità. L’ottima conservazione delle gomme, anche per merito del pilota messicano, è un tratto caratterizzante di una scuderia che vuol continuare a stupire.

Hulkenberg 7: L’ottava piazza è un premio alla sua tenacia con una Renault in crescita e che anche grazie al tedesco può continuare ad evolvere. Il vero problema per la squadra francese sembra essere Palmer, a muro anche quest’oggi, e non all’altezza della situazione.

Massa 6.5: Autore di un’ottima qualifica (6°) non si ripete in gara terminando comunque nella top10. La Williams si conferma macchina migliore nel giro secco piuttosto che sulla durata ma il brasiliano si dimostra comunque un riferimento sicuro su cui poter fare affidamento.

Stroll 4: Il testacoda nella prime battute è da principiante e l’essere decisamente più lento di Massa è la constatazione che il canadese è arrivato nella massima categoria dell’automobilismo in maniera affrettata. L’11° posto finale descrive tutte le sue difficoltà.

McLaren 4: Vedere un campione come Fernando Alonso appiedato nel giro di ricognizione è solo l’ultimo episodio di un film dell’orrore che ormai va avanti da quasi tre stagioni e non sembra avere una fine. Il 14° posto finale di Vandoorne è l’emblema della crisi del Team di Woking.

vivicentro/askanews/oasport

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più