Quantcast
Banner Gori
Polito Ciro
Sotto La Lente

Sotto La Lente – Polito, il mago del mercato delle Vespe

Sotto La Lente – Polito, il mago del mercato delle Vespe. Secondo per longevità di militanza in gialloblè solo a Caserta e Mezavilla

Sotto La Lente – Polito, il mago del mercato delle Vespe

 

Ciro Polito, ex portiere con diversi anni tra Serie A e Serie B e direttore sportivo della Juve Stabia dal 2016, può essere a giusta ragione definito come il vero e proprio mago del mercato della Juve Stabia. I risultati ottenuti da quando è il ds delle Vespe parlano da soli. Secondo per longevità di militanza in gialloblè (da sei anni a Castellammare) solo a mister Fabio Caserta e ad Adriano Mezavilla, Polito ha sempre ottenuto grandi risultati sul mercato pur non potendo contare su un budget notevole a cui attingere.

Polito da calciatore muove i primi passi nel settore giovanile della Salernitana e dopo pochi anni viene aggregato alla prima squadra. La prima tappa importante della sua carriera è sicuramente Catania dove esordisce in Serie B nella porta degli etnei il 12 dicembre 2004 in Empoli-Catania 0-0. A Catania Polito fa il suo esordio anche in massima serie a 27 anni il 26 novembre 2006 in Catania-Parma 2-0.

Dopo Catania, un rapido passaggio al Grosseto e poi il ritorno a Salerno dove resta due stagioni. Nel settembre del 2011 Polito passa all’Atalanta dove resterà tre anni. In quei mesi conosce anche Fabio Caserta che è suo compagno di squadra e che però a gennaio del 2012 passa alla Juve Stabia nell’ambito dell’affare Cazzola che va a Bergamo.

Il 31 gennaio del 2014 viene acquistato a titolo definitivo dal Sassuolo per poi passare l’anno successivo, il 20 ottobre del 2015, alla Juve Stabia da svincolato a parametro zero. Nelle Vespe resta un solo anno da calciatore contribuendo alla salvezza della non eccezionale stagione 2015-2016.

Al termine della stagione 2015-2016 Polito lascia il calcio giocato e assume l’incarico di direttore dell’area tecnica della Juve Stabia. Nel gennaio 2017 nella sessione invernale di mercato riesce a portare a Castellammare due calciatori che saranno fondamentali due anni dopo nella promozione in Serie B: Nicholas Allievi e Daniele Paponi. 

Ma il capolavoro di Ciro Polito viene realizzato nell’estate 2018. La Juve Stabia si iscrive in extremis al campionato e parte tardi con il mercato rispetto alle altre squadre. Nonostante ciò Polito, al pari di Caserta, non si lascia corteggiare dalle sirene delle altre squadre ed allestisce un organico che stravincerà il campionato di Serie C.

Arrivano quell’estate calciatori del calibro di Magnus Troest, Roberto Vitiello, Massimiliano Carlini, Bruno El Ouazni, Nunzio Di Roberto, Salvatore Elia che elevano il tasso tecnico della squadra. Il resto è storia. La Juve Stabia domina il campionato di Serie C e torna dopo soli 5 anni in Serie B.

Anche nell’anno della B non cambia il modus operandi di Ciro Polito. Il ds delle Vespe valuta i calciatori che rientrano nei parametri della Juve Stabia guardando alla persona e non solo al calciatore. Considera Calvano e il giovane Mallamo, per sua stessa ammissione, due dei colpi più pregiati del suo ultimo mercato. Il colpo più difficile? Addae, da anni elemento di spicco in B.

Recentemente Polito ha dichiarato nel corso di Juve Stabia Live: “Dico sempre che i calciatori sono come uova di Pasqua, non si sa come potranno ambientarsi e rendere dopo l’arrivo ma cerchiamo di fare il meglio. È importante poi tenere vicine squadra e società. È un altro aspetto difficile del mio ruolo; da calciatore la mia forza era la leadership nello spogliatoio quindi capisco molte dinamiche interne. Cerco di mediare quando gli spiriti si riscaldano e di far capire a tutti di remare dalla stessa parte”. 

Il ds delle Vespe ha completato a gennaio il mosaico della Juve Stabia con il grande acquisto in prestito del portiere Ivan Provedel dall’Empoli (“portiere da Serie A che quindi sarà difficile da riscattare. Ma se ci dovesse essere anche una minima opportunità, ci proveremo”) e di Francesco Di Mariano dal Venezia.

Ma Polito ha posto anche le basi per il futuro delle Vespe con l’operazione riscatto del cartellino del bomber Forte dal Beveren. Senza dimenticare mai l’obiettivo più immediato che è quello della salvezza da raggiungere ad ogni costo da cui non si può prescindere: “Forte? Il suo riscatto é molto importante per la Juve Stabia. Avevamo un prestito con diritto di riscatto ma io non ho mai avuto dubbi sul suo riscatto. Ora é un nostro giocatore e ci auguriamo che aiuti a salvarci. Non ci interessano le offerte per lui, ora deve pensare solo a salvare la Juve Stabia. A gennaio abbiamo rifiutato un’offerta importante, in estate vedremo. Ora pensiamo al campo e basta. La Serie B é troppo importante per la società e la piazza!”. 

 

a cura di Natale Giusti

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo.

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Natale Giusti

Natale Giusti

Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più