Quantcast

juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblù di Virtus Francavilla – Juve Stabia 0 – 0 (Sospesa e rinviata al 53esimo minuto)

Versione minimalista de “Il Podio Gialloblù”, alla luce del rinvio della gara tra Virtus Francavilla e Juve Stabia per impraticabilità del terreno di gioco decretato dal direttore di gara al minuto 53.

PODIO

Medaglia d’oro: a Valerio Nava, ormai una certezza dello schieramento stabiese. Il terzino insicuro e spesso timido visto nelle prime uscite stagionali è cresciuto a dismisura, fino a diventare un elemento di spicco della Juve Stabia 2017/18. Buono l’equilibrio che Nava garantisce in entrambe le fasi di gioco: su un terreno inzuppato come quello di Brindisi, il 7 gialloblù è bravo a non farsi mai sorprendere, risultandoo anzi decisivo con una difficile diagonale difensiva in mezzo a due attaccanti del Francavilla.

Medaglia d’argento: a Luigi Canotto, pimpante anche sul bagnato. Il manto erboso allagato è l’habitat naturale per un “canotto” ma anche per Canotto! Il numero 18 in maglia gialla non si fa scoraggiare dal campo impraticabile ed anzi gioca con entusiasmo, tentando di creare la superiorità numerica sulla sua fascia, prima la sinistra e poi spostandosi sulla destra. Altrettanto importante, l’assistenza in fase di ripiegamento che Canotto offre ai propri difensori.

Medaglia di bronzo: a Luigi Viola, leone nel pantano di Brindisi. 53 minuti di spessore, come al solito, per il centrocampista della Juve Stabia, più presente nel match rispetto ai colleghi Calò e Mastalli. Viola è un martello che insiste sulla mediana pugliese, rubando palloni e tentando in più di un’occasione la soluzione dalla distanza. Difficile chiedergli di più nel tragicomico contesto di oggi.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: alla tenuta del manto erboso del “Fanuzzi” di Brindisi. Inaccettabile che la Lega consenta di ospitare gare a stadi che versano in condizioni disastrose: il terreno dell’impianto pugliese mostrava carenze visibili già prima che la pioggia si palesasse con forza, che ovviamente sono peggiorate alla luce delle pessime condizioni meteorologiche. Situazioni del genere stridono ancor di più se si guarda a società, come la Juve Stabia, costrette a dover rifare ex novo il proprio manto erboso, di certo non perfetto ma nemmeno così messo male come quello di Brindisi, con conseguenti costi e disagi ad incidere sulle casse societarie e sul rendimento della squadra. Mettere a rischio l’incolumità degli atleti, costringendo gli arbitri a rinviare le gare, andando ad ingolfare un calendario già colmo di impegni è inammissibile.

Medaglia d’argento: alle tempistiche della scelta del direttore di gara. Proprio alla luce di un campo che mostrava scarsa tenuta già prima dell’inizio della gara, sarebbe stata opportuna una valutazione diversa da parte dell’arbitro. Due le possibilità: non dare inizio alla gara oppure, una volta fattala iniziare, portarla a termine nonostante le difficoltà dovute al campo “di gioco”. Costringere, così, due squadre a dover riorganizzare una gara per giocare appena 37 minuti appare folle, soprattutto per la Juve Stabia che dovrà sobbarcarsi una nuova trasferta per poco più di mezz’ora di gioco.

Medaglia di bronzo: alla pesante assenza di Vicente. Probabilmente il terreno di gioco impraticabile avrebbe riservato insidie ai piedi buoni ed alla visione di gioco del brasiliano, condizionandone la prestazione, ma, per quel poco che si può valutare, pare che la Juve Stabia non abbia assimilato l’assenza del proprio regista. Poche le idee della squadra stabiese, che ha preferito puntare sulle iniziative dei singoli, con a centrocampo il solo Viola a non naufragare nel fango.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania