Quantcast

juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblù di Juve Stabia – Rende 2 – 1

Notte bagnata e felice per la Juve Stabia, che supera il Rende centrando il quarto successo consecutivo. A decidere il match le prodezze di Carlini e Calò.

PODIO

Medaglia d’oro: a Max Carlini, direttore dell’orchestra gialloblu. Ennesima prestazione da incorniciare per quello che, ad oggi, uno degli acquisti più azzeccati della storia recente della Juve Stabia. Incorniciare, perché la rete con cui Carlini regala il vantaggio alla Juve Stabia è di quelle da porre in un museo del pallone e da ammirare all’infinito. Destro a giro, di prima, di rara potenza e precisione: la perla del 29 toglie la tradizionale ragnatela dal sette, facendo esplodere il Menti. Rete a parte, qualità dilagante nella prestazione dell’ex Reggiana, imprescindibile in qualsiasi ruolo per Caserta. Luci d’artista.

Medaglia d’argento: a Giacomo Calò ed alla sua parabola magica. Che nessuno parli di fortuna: Calò ha provato per tre volte di beffare da corner il portiere del Rende, prima di trovare al quarto tentativo l’effetto giusto. Coraggio da vendere per il prodotto del settore giovanile della Sampdoria, che gela la squadra di Modesto a sette minuti dal termine del match. La splendida rete del numero 5, che riscatta la traversa di Siracusa dello scorso campionato, conferma la sua crescita, soprattutto in termini di personalità. Occhio lungo quel del D.S. Polito, che già all’indomani del playoff perso con la Reggiana, indicava Calò come scommessa su cui puntare in questo campionato. Se il buongiorno si vede dal mattino, la Juve Stabia ha trovato il suo nuovo golden boy. Genietto della lampada.

Medaglia di bronzo: a Luigi Canotto, in una gara in cui l’esterno mostra una crescente maturità. Prima parte di gara a ritmi altissimi per il 18 della Juve Stabia; è lui a saltare l’uomo ed a creare costante superiorità sulla destra. Pochi complimenti per i difensori del Rende che martellano, letteralmente, l’esterno ex Trapani. Nella ripresa è una giocata da prestigiatore sempre di Canotto a mettere avanti alla porta Troest, ma il difensore danese si divora la palla del sorpasso. Dopo la rete di Calò, la gestione della palla di Canotto è da grande uomo squadra: furbizia, malizia, falli conquistati e battibecchi con gli avversari, fondamentali per far correre il cronometro. Fattori che per Caserta valgono più di un gol. Fuoriserie.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: a Daniele Paponi, assorbito dalla difesa del Rende. Il capitano stabiese mette in campo tanta generosità, sacrificandosi sempre in nome del gioco delle Vespe. La difesa di Modesto riesce però a disinnescare bene Paponi, che sbaglia anche la gestione della ripartenza favorevole alla Juve Stabia, da cui nasce invece la rete del pareggio calabrese.

Medaglia d’argento: a  Magnus Troest, sorpreso dalla ripartenza con cui il Rende trova il pari. Prestazione solida per il difensore gialloblù che ben figura ad eccezione di una circostanza. La rete del pareggio biancorosso vede la chiusura tardiva di Troest, che si fa sorprendere non come ci si attenderebbe da un calciatore della sua esperienza. A pesare sulla gara del numero 20 anche la clamorosa occasione da rete sciupata nella ripresa.

Medaglia di bronzo: a Kevin Stallone, comprensibilmente timido all’esordio dal primo minuto. Traspare un pizzico di emozione nelle giocate del prodotto del vivaio delle Vespe, che comunque si disimpegna bene in entrambe le fasi di gioco. Per lui nel post gara parole di stima di Caserta, che punterà ancora su di lui. Il ragazzo è forte e si farà.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania