Quantcast
Banner Gori
Juve Stabia - Podio Gialloblù
juvestabia - podio gialloblu

Juve Stabia, il Podio Gialloblu del derby di Avellino

Pareggio a reti bianchi per Avellino e Juve Stabia. Al Partenio termina 0-0 il derby dopo novanta minuti interessanti e ben giocati da entrambe le squadre.

PODIO

Medaglia d’oro: a Tommaso Fantacci, che conferma la buona prestazione della scorsa settimana. Il fantasista della Juve Stabia si alterna bene nelle posizioni di trequartista e di esterno creando spesso la superiorità numerica utile alla squadra di Padalino. Generoso e coraggioso nel cercare la giocata, sfiora il gol con un’incornata leggermente troppo angolata.

Medaglia d’argento: a Magnus Troest, sicuro e pulito in ogni intervento. Nel freddo di Avellino il vichingo si sente a suo agio e sfodera una prestazione tutta muscoli e potenza. Il danese chiude con attenzione la porta ai biancoverdi mostrando una costante crescita atletica che culminerà presumibilmente nelle prossime settimane. Si attendono con impazienza notizie circa il suo auspicato rinnovo con la Juve Stabia.
Medaglia di bronzo: ad Alessandro Garattoni, che spinge molto soprattutto nel primo tempo. Almeno due le discese interessati del terzino ex Crotone, bravo tra l’altro a dare man forte ai centrali quando l’Avellino si affaccia dalle parti di Tomei. Gara equilibrata per il difensore esterno.
CONTROPODIO
Medaglia d’oro: a Francesco Golfo, che ha sui piedi la palla del vantaggio stabiese. Banale l’errore a tu per tu con Forte dell’esterno ex Trapani, che centra in pieno il portiere irpino. Nella ripresa il 24 gialloblu mostra bei numeri ma non sufficienti a far dimenticare il suo errore in zona gol.
Medaglia d’argento: ad Alberto Rizzo, che accompagna pochissimo l’azione delle Vespe. Il terzino mancino rimane agganciato alla linea difensiva per buona parte della gara affacciandosi in zona offensiva solo sul finale della ripresa. Con un po’ di sfrontatezza in più avrebbe potuto creare grattacapi alla squadra di Braglia.
Medaglia di bronzo: a Niccolò Romero, costretto a fare a sportellate ben lontano dalla porta. Gara di sacrificio per l’ariete stabiese, impegnato più a far salire la squadra che, suo malgrado, ad occupare l’area di rigore. Pur distante dalla porta, Romero lavora bene per la Juve Stabia, fungendo da perno cui basare il gioco. Ovviamente se lui è sulla trequarti, l’area di rigore resta vuota.
Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più