Quantcast

juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblu di Viterbese – Juve Stabia 0 – 4

Juve Stabia favolosa a Viterbo. Le Vespe passano con un roboante 0-4, consolidando la vetta della classifica grazie a Carlini, El Ouazni (x2) e Viola.

PODIO

Medaglia d’oro: a Bruno El Ouazni, versione Re Mida. Doppietta per il centravanti delle Vespe, che tramuta in oro ogni pallone toccato. Se la voglia matta di Stabia di Bruno durante le feste era stata evidente dagli allenamenti praticamente mai interrotti, oggi il 9 ha mostrato la fame del grande attaccante. Corsa, lotta, sacrificio e soprattutto gol: se la seconda rete stabiese rischia di essere sottratta a El Ouazni dallo sfortunato Sini, il tris è tutto di Bruno, che sfrutta al massimo la prima magia stabiese di Torromino. Doppietta, dopo che la prima rete delle Vespe era stata innescata proprio da un pregevole tocco del 9 per Canotto. Poche parole e tanti fatti. Faraone.

Medaglia d’argento: Luigi Canotto, che si prende di prepotenza la copertina. Lo avevamo auspicato pochi giorni fa in uno dei nostri approfondimenti: l’esterno torna sulla cresta dell’onda con una grandissima prestazione. È il 18 della Juve Stabia che dopo 10 minuti fa capire alla Viterbese che la giornata sarà dura; rigore procurato con una grandissima azione, per la gioia di Carlini. Se possibile, ancor più bella è la serpentina con cui nella ripresa Canotto travolge la difesa laziale portandola all’autorete di Sini in collaborazione con El Ouazni. Semplicemente esagerato. Tsunami.

Medaglia di bronzo: alla difesa bunker della Juve Stabia. Se la scena se la prendono i quattro gol siglati, a tratti irrealistici sono i numeri della retroguardia stabiese, anche oggi in totale controllo degli avversari per buona parte della gara. I quattro colossi stabiesi agiscono con una perfetta sincronia, dove ognuno sa perfettamente cosa fare e come muoversi. In quelle rarissime occasioni in cui la barriera gialloblu rischia di essere scavalcata, c’è un grande Branduani a rispondere presente. Con loro la Juve Stabia è più al sicuro di un panda in un’oasi del WWF. Inossidabili.

Menzione speciale: a Max Carlini, architetto a tutto campo dei capolavori stabiesi ed a Luigi Viola, che da quando ha ritrovato condizione e sicurezza dipinge opere d’arte. Gaudì e Picasso.

CONTROPODIO

Dopo l’ennesimo risultato strepitoso, non c’è nulla da “segnalare”. Pignoli sì, ma fino a un certo punto!

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania