Quantcast

Banner Gori
podio juve stabia
juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblù di Juve Stabia – Catania 0 – 1

Ottima prestazione ma risultato deludente per la Juve Stabia, superata al Menti dal Catania: decisivo il gol in zona Cesarini di Mazzarani

PODIO

Medaglia d’oro: ad Alessandro Mastalli, galvanizzato dall’aria del big match. Prestazione da calciatore vero, maturo, del centrocampista stabiese, tornato versione golden boy per fronteggiare il Catania. Qualità, tanta, nella prestazione di Mastalli oscurata dall’ancor maggiore quantità messa in campo dal 24 della Juve Stabia: corsa, grinta, determinazione, atteggiamenti da leader (i richiami verso i compagni “più giovani” fatti nei giusti modi sono segnale di leadership) per un Mastalli che sta finalmente tornando ad essere il calciatore in grado di fare la differenza. In un match giocato a viso aperto da entrambe le squadre, ma non sempre bellissimo dal punto di vista tecnico, da segnalare la staffilata mancina con cui il centrocampista stabiese impegna Pisseri.

Medaglia d’argento: a Francesco Lisi ed al suo serbatoio senza fine. Nonostante l’esterno sin dai primi minuti spinga al massimo sull’acceleratore, nemmeno negli ultimi minuti sembra finire la benzina di Lisi, bravo a giocare praticamente a tutto campo nell’arco della gara. Tante le fiammate sulla fascia per il 23 gialloblù, che sfianca con il suo strapotere fisico tutti gli avversari che si trovano dalle sue parti. Per lui valgono le stesse considerazioni fatte per Mastalli: se la condizione fisica continua a crescere e la soglia di concentrazione resta alta, è un elemento che ha poco a che fare con la Serie C. Bisogna però dimostrarlo costantemente con prestazioni come quella di oggi.

Medaglia di bronzo: a Matteo Bachini, che supera a pieni voti l’ennesimo esame importante. Prova del nove superata per il giovane difensore, che tiene a bada senza affanni due “9” niente male come Ripa e Curiale, facendo certamente aumentare il rammarico di Lo Monaco, bruciato la scorsa estate dalla dirigenza della Juve Stabia quando l’approdo al Catania di Bachini sembrava ormai chiuso. Chiusure puntuali, atteggiamento roccioso, ottima intesa con Morero: Bachini è molto arrosto e poco fumo, un difensore essenziale ma sul cui rendimento si può, ormai, contare ad occhi chiusi. In costante crescita.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: a Carlo Crialese, non certo autore della sua miglior prova. Tanti, troppi, gli errori del terzino sinistro gialloblù, soprattutto in fase di appoggio e disimpegno, dove spesso manca l’intesa con i compagni. Da tenere a mente che l’assenza di una punta di ruolo non favorisce il gioco di Crialese, orfano della prima punta cui destinare rifornimenti; pur considerando questo aspetto non secondario, da Crialese, considerato uno dei migliori terzini della categoria, ci si aspetta molto di più.

Medaglia d’argento: a Giorgio Capece, la cui fase di regia non produce un gran film. Per compensare le defezioni offensive, Caserta sceglie di aumentare la qualità a centrocampo con l’inserimento di Capece, ma il numero 8 non incide appieno nella manovra stabiese. Non si registrano particolari errori nella gara di Capece ma se la velocità personale di gioco non è altissima, le giocate devono essere illuminanti e precise, cosa che però non avviene con i lanci del biondo centrocampista ex Cosenza.

Medaglia di bronzo: a Santiago Morero, non per la prestazione ma per i cartellini rimediati. Unico appunto da fare alla gara gagliarda del Capitano, che annulla l’ex compagno Ripa, è il modo in cui rimedia prima il giallo e poi il rosso. Ammonizione dettata da un fallo appariscente e non del tutto necessario, se non per far proseguire l’azione stabiese, commesso nella metà campo del Catania. Discorso molto più lungo meriterebbe il rosso che l’arbitro sventola in faccia a Morero a fine gara: ferme restando le proteste giuste, nei modi e nelle ragioni, del Capitano stabiese, un calciatore della sua esperienza, già “schedato” da un direttore di gara a dir poco permaloso, deve stare molto più attento negli atteggiamenti.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania