Quantcast

Banner Gori
Lega B per la Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne. No al femminicidio.
Calcio juvestabia - news

Lega B contro il femminicidio, il 25 novembre in campo con i fiori

Il 25 novembre, nella Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, la Lega B Calcio scende in campo con un mazzo di fiori. Un gesto semplice contro il femminicidio.

Lega B contro il femminicidio, il 25 novembre in campo con un mazzo di fiori

Calcio. Una partita da giocare e vincere. È con questa voglia che anche quest’anno la Lega B scende in campo contro il femminicidio e contro qualsiasi forma di maltrattamento sulle donne. Lo fa nel weekend della giornata internazionale contro la violenza alle donne che l’Onu ha fissato, nel 1999, al 25 novembre. Durante il 13° turno della Serie BKT i capitani delle squadre, al termine del riscaldamento, consegneranno su tutti i campi un mazzo di fiori al capitano della squadra femminile o a una esponente della società in rappresentanza di tutte le donne. Un gesto semplice ma al contempo ricco di significato, a partire da quella gentilezza e quell’attenzione che dovrebbe essere la normalità in tutto il mondo ma che purtroppo ancora non riesce a esserlo ovunque.

Attraverso un messaggio speaker in cui si chiederà di promuovere gesti di gentilezza combattendo ogni forma di brutalità e maltrattamento, e sui led, dove si ricorderà la data del 25 novembre quale Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, si contestualizzerà l’evento per gli spettatori presenti negli stadi così come accaduto negli anni passati, grazie anche al supporto dell’AIC.
Il nostro impegno – dice il presidente Balata – speriamo sia d’aiuto per contrastare un fenomeno ancora, purtroppo, troppo diffuso e per sul quale noi non vogliamo star zitti e far finta di nulla. Come Lega B siamo molto attenti al valore sociale dello sport e al contesto in cui ogni tifoso vive, ecco perché il calcio può essere uno strumento molto utile per veicolare questi messaggi di rispetto, di attenzione e di condanna di ogni forma di violenza fisica e verbale. Mi auguro che da piccoli gesti come questi possano nascere grandi consapevolezze”.

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Maria D'Auria

Maria D'Auria

Giornalista campana di adozione romana. Laureata in giurisprudenza, impegnata nel sociale, appassionata di lettura, scrittura, fotografia. Collaboratrice della testata ViVicentro.it, referente per la Regione Lazio. Esperta di comunicazione, cronaca sportiva, inchieste, eventi.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più