Quantcast

Fabio Caserta
juvestabia - news

Fabio Caserta si racconta: “A otto anni ho rischiato di morire in un incidente, Castellammare per me è casa, vita, tutto!”

Fabio Caserta si racconta: “A otto anni ho rischiato di morire in un incidente, Castellammare per me è casa, vita, tutto!”

Fabio Caserta, ex calciatore di Catania e Palermo, una vita intera passata sui campi di calcio, sta riuscendo ciò che a tanti suoi ex colleghi non riesce: fare la differenza anche in panchina, alla sua prima esperienza nelle vesti di allenatore. La sua Juve Stabia vola nel girone C di Serie C con trentadue punti in tredici partite, ventinove gol fatti, appena sei subiti, zero sconfitte, più sei sulla seconda che ha anche una gara in più…Dati che pongono la compagine stabiese tra le squadre più in forma dei principali campionati europei.
Ma al tecnico gialloblè non è andata sempre bene. La sua è una storia di resilienza, di quelle che ad un certo punto ti lasciano senza fiato. Caserta ha deciso di raccontarla, confidando alcuni episodi della sua vita al sito GianlucaDiMarzio.com.
A otto anni stavo per morire, anzi mi davano proprio per morto dopo un incidente gravissimo insieme a mio nonno.
“Eravamo sul suo Ape tre ruote quando un Ducato ci prende avanti e ci schiaccia contro il muro, di quel giorno mi ricordo tutto come se fosse ieri, ho i brividi, me lo vedo ancora negli occhi quel furgone che ci fracassa sul lato della strada. Mio nonno prima dello schianto mi prende in braccio e mi salva la vita. Una vita, la mia, che da quel momento in poi, per buonissima parte di adolescenza, è stata un girovagare continuo tra ospedali. Controlli, operazioni, la paura di non farcela. Quando mi ricoverarono dopo l’incidente, gli infermieri chiamarono il Prete della Parrocchia perché dissero a mamma che tanto non avevo più nessuna possibilità di vivere. Mamma si arrabbiò e senza pensarci due volte mi prese e disse ‘ora lo portiamo in un altro ospedale’. Otto anni, avevo otto anni…”.

“Per fortuna mi riprendo – continua l’ex Centrocampista – ma i dottori erano stati chiari con i miei genitori… ‘vostro figlio non potrà mai praticare nessuno sport’, solo palestra per la riabilitazione. Giornate e giornate a star lì, a far gli esercizi da solo con tre attrezzi o la parete tutta grigia, avrò avuto dodici anni. Non ce la facevo più, volevo stare con i miei coetanei, con i miei cuginetti. Volevo sentirmi uno di loro, volevo essere come loro, volevo fare quello che facevano loro. Così convinco mamma ad iscrivermi a karate. Mi piaceva, mi faceva sentire come i miei amici, mi faceva dimenticare quel terribile incidente… poi un giorno malgrado avessi vinto le gare regionali per prendere la cintura nera, il mio maestro non voleva darmela perché diceva che non frequentavo abbastanza. Il giorno dopo vado da lui e gli dico senza giri di parole, ‘va bene maestro, questa è la mia cintura marrone, tienitela, io non vengo più’…”.

Poi le prime esperienze sul campo di calcio: “Un giorno, facevo gli Allievi, mi succede un episodio che mi ha ammazzato letteralmente. Dovevamo giocare su un campo praticamente allagato, prima della partita il mister mi indica e davanti a tutti mi dice… ‘Guarda Fabio, tu non puoi giocare perché sei troppo magro. La partita di oggi non fa per te’.
Quelle dieci parole mi hanno fatto crollare il mondo addosso. Mi sono sentito umiliato, davanti a tutti in quel modo.
Il tempo di rivestirmi e tornare a casa, sono stato un giorno intero in camera da solo con quella frase ‘tu non puoi giocare perché sei troppo magro’ che risuonava continuamente nella mia testa fino a farmela esplodere. Lì pensavo di aver davvero chiuso con il calcio, ‘mamma, papà io non ne voglio più sapere niente’.
“Il brutto 
– racconta Fabio Caserta ai microfoni di GianlucaDiMarzio.com– è che quello che è successo a me, capita quotidianamente a tanti bambini nelle scuole calcio, dove vengono mortificati dai propri allenatori. A quindici o sedici anni devi farli sfogare i bambini, devi farli divertire, devi coccolarli quando sbagliano non dargli addosso per una diagonale. Fin quando nei settori giovanili piuttosto che incentivare la crescita dei ragazzi si asseconderà lo sfogo delle frustrazioni degli allenatori, credetemi che il sistema non migliorerà mai…”. Parole posate, di chi ha compreso il suo ruolo di educatore, oltre che di allenatore.
“Se non fossi arrivato nel mondo del calcio, oggi avrei fatto il parrucchiere. Mi piaceva molto dare una mano a mio fratello, poi a scuola non avevo molta voglia quindi già mi prefiguravo di lavorare lì”.
Ma il richiamo del campo di calcio è troppo forte: “E l’allora allenatore della prima squadra mi fa cambiare idea, così tornai a giocare. E da lì comincio la mia scalata, avevo 18 anni. Di ricordi ne ho tantissimi. Le risate con i compagni poi… A Palermo con Miccoli era uno show… Cassani si divertiva a provocarlo… ‘Fabri sono dieci volte più bello di te’… così Miccoli un giorno ci fece piegare dalle risate… ‘Sì, Cassa ma c’è solo una differenza. Sai qual è? Che se do appuntamento a una ragazza alle 20.30 io le dico di affacciarsi al balcone, tu di scendere di sotto. Perché io la passo a prendere con l’elicottero, mica come te…’Ma anche a Catania con Mascara e Morimoto scherzi e risate non mancavano…un giorno Peppe gli mise una mozzarella di bufala da 250 g in bocca, gli tappò il naso e gliela fece mangiare in un sol boccone…ebbene sì, Morimoto ci riuscì! Andò diversamente con i famosi quattro pacchetti di vigorsol da masticare insieme, ma qui sorvoliamo….”.

Sulla sua strepitosa Juve Stabia che, nelle prime tre divisioni dei maggiori campionati d’Europa vanta la seconda miglior difesa insieme al Liverpool e dietro soltanto al Manchester City: “Ho visto quella classifica, ma le statistiche sono le statistiche, la realtà è la realtà. Come dico sempre ai miei ragazzi, se vogliamo far parlare di noi abbiamo soltanto una strada: testa bassa e pedalare… Credo nella gavetta, nel lavoro, nel sacrificio e nell’affetto della gente che qui è incredibile. La piazza di Castellammare è fantastica, pazzesca. Qui la gente vive di calcio, ti fa sentire uno di loro, è come se fossimo tutti una cosa sola ed è questa la nostra forza… ogni ragazzo è pronto a sputare il sangue per aiutare il compagno in difficoltà. Per me davvero Castellammare è casa, è vita, è tutto. Non scorderò mai e poi mai quella volta, dopo il pareggio contro il Crotone quando mi chiamarono sotto la Curva per stringersi attorno a me dopo la morte di mio fratello, quando volevo smettere di giocare a calcio. Castellammare è questo: è passione, è sincerità, è amore incondizionato…”.

Sul padre scomparso: “Ho capito che tutto quello che riuscirò a fare sarà per lui. Era il mio primo tifoso, era orgoglioso di me, quando si parlava di me gli si illuminavano gli occhi. Mi piace pensare che lui da Lassù sia sempre qui, accanto a me e che non mi lasci mai. Perché la mia famiglia è la mia vita ed io voglio che tutti noi siamo felici. Nient’altro, mi basta questo…”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania