Quantcast
Banner Gori
Carmando juve Stabia Scafati Basket
juvestabia - news

Carmando (fisioterapista ex Juve Stabia): “Roberto Fiore grande persona”

Angelo Carmando, ex fisioterapista della Juve Stabia, è intervenuto telefonicamente nel corso della trasmissione “Juve Stabia Live”

Carmando: “Il presidente Fiore era una grande persona”

 

Angelo Carmando, ex fisioterapista della Juve Stabia ed attualmente alla Givova Basket Scafati, è intervenuto telefonicamente nel corso della trasmissione “Juve Stabia Live” che va in onda ogni giovedì dalle ore 21 in diretta sulla pagina Facebook “Juve Stabia Live”.

Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Da fisioterapista bisogna sempre stare sul pezzo a ogni ora del giorno. Quando sono arrivato a Castellammare ricordo che ero da solo con una squadra di 22 calciatori. Iniziavo con loro dalle 7 di mattina fino alle 23 di sera.
La squadra che ho avuto il piacere di assistere ricordo era una costituita da grandi calciatori che 2 mesi prima avevano fatto gli spareggi con la Salernitana. Successivamente poi ci fu una girandola di allenatori.

Ricordo che alla Juve Stabia fui chiamato da mister Roberto Chiancone e appena arrivato partii subito per il ritiro in Umbria. Dopo l’esonero del mister, al quale subentrò Paolo Specchia come allenatore, arrivarono dei nuovi acquisti. Tra gli altri da Udine arrivò Bachini il martedì, il sabato partimmo per Siena senza portarli in ritiro prepartita. In ritiro il presidente Fiore ci fece visita e chiese dei nuovi, alla mia risposta della non presenza, chiese di parlare immediatamente con il mister in una stanza insonorizzata. Alla fine di questo incontro decise di stare in contatto telefonico durante la partita decidendo il modo di giocare e i cambi da effettuare. La partita col Siena terminò 2-2 (2-0 per il Siena alla fine del primo tempo – ndr – ) e al ritorno in bus ascoltammo per radio dopo il nostro risultato l’esonero del mister, il quale chiese all’autista di fermarsi in modo tale da scendere. Praticamente venne a sapere del suo esonero via radio.
Il presidente Fiore era così, vulcanico, passionale, e soprattutto una grande persona. 

Mio zio, il famoso Salvatore Carmando massaggiatore del Napoli? Era legato da un rapporto bellissimo e molto speciale con Diego Armando Maradona. Ricordo che in occasione dei mondiali di Messico 1986, poi vinti dalla nazionale argentina, Maradona lo volle fortemente al suo fianco. Dopo una settimana lui voleva andare via ma Maradona gli disse: “Sei pazzo, non ti muovere da qui”. E lui restò. Maradona era ghiotto di pasta Amato e mio zio fu costretto a partire con un valigione pieno di pasta Amato. Per non parlare di quando spesso Maradona doveva acquistare qualcosa di abbigliamento e mio zio Salvatore faceva aprire in piena notte un negozio di Salerno per permettere a Diego di fare i suoi acquisti con la saracinesca abbassata”. 

a cura di Giuseppe Rapesta

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più