Quantcast

Banner Gori
Maria Mosca - Juve Stabia
juvestabia - la vespa rosa

Maria Mosca si augura nel riconoscimento dello scudetto del ’45

Maria Mosca ci spiega l’importanza del riconoscimento dello scudetto del ’45 non solo per la Juve Stabia ma anche per Castellammare di Stabia

Maria Mosca una delle partecipanti al Gran Galà Vespa Rosa e una delle tifose che ha contributo con i suoi commenti e pensieri ad arricchire la nostra rubrica Vespa Rosa, oggi ci dedica alcuni suoi pensieri sulla Juve Stabia e su Castellammare di Stabia.

Maria, vuole ringraziare i calciatori della Juve Stabia per la grinta e la passione che profondono ogni settimana per conquistare ottimi risultati utili al raggiungimento della salvezza. Il loro impegno e la loro professionalità onorano ogni settimana la maglia che indossano.

Ricordiamo che Maria Mosca non è solo una “semplice” Vespa Rosa ma è anche la Vice Presidente di StabiAmore (l’associazione socio culturale sportiva di Castellammare di Stabia).

Come Vice Presidente tiene molto a cuore, come il Presidente Gianfranco Piccirillo e tutti i soci, la questione del riconoscimento dello scudetto del ’45 (su questo riconoscimento in effetti ci tengono in tanti, soprattutto i tifosi, tra cui citiamo anche l’ex capo ultrà Tonino Ercolano).

Il Comune di Castellammare di Stabia recentemente ha chiesto un aiuto alle associazioni iscritte al Forum nella stesura dei documenti a sostegno della candidatura della città come capitale della cultura.

StabiAmore ha risposto a questo invito ritenendo utile al riguardo di inserire la vicenda del campionato di calcio del 1945 vinto dallo Stabia e ancora in attesa del riconoscimento ufficiale.

La questione non è solo sportiva ma anche storica perché ricostruisce la vittoria dello Stabia nel periodo finale della seconda guerra mondiale.

Questo risultato sportivo può valorizzare la città e acquisisce un ruolo rilevante della cultura stabiese sia in senso storico sia in senso sportivo.

Bisogna sottolineare il fatto che la questione non è solo sportiva, ma anche storica perché ricostruisce gli eventi del campionato del 1945 condizionato pesantemente dalle ultime vicende belliche del secondo conflitto mondiale. Giocare a calcio nelle condizioni del 1945 merita un riconoscimento al valore e naturalmente in modo particolare lo merita lo Stabia che vinse sia il campionato campano misto che la Coppa CONI, superando squadre importanti come Napoli e Fiorentina, ma anche Pro Livorno e Salernitana.

A cura di Patrizia Esposito

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Patrizia Esposito

Patrizia Esposito

Ciao a tutti i miei lettori, sono nata a Castellammare di Stabia (alcuni anni fa... ad una donna non si chiede l'età). Sono diplomata in Segretariato e Amministrazione d'azienda.
Ho una grande passione per il giornalismo e la fotografia.
Dal 21 Febbraio 2014 ho iniziato la mia collaborazione con ViViCentro. In particolare da grande tifose della Juve Stabia curo la rubrica "VESPA ROSA" dedicata alle tifose.
L'amore per la Juve Stabia mi è stato tramandato da mio padre con il classico passaggio generazionale di padre in figlia (considerato che mio nonno aveva fatto lo stesso con lui).
Il mio sogno è quello di scrivere un libro che parli della mia passione per la Juve Stabia.
Sono impegnata nel sociale e nel contrasto alla violenza su donne, bambini e animali.
Sono una socia dell'associazione sportivo culturale StabiAmore e ne vado fiera.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat