Quantcast
Banner Gori
Curva Sud Bandiera
Juve Stabia - Approfondimenti

Verso Juve Stabia – Reggiana: la carica dei 300

Post gara di Reggiana – Juve Stabia, Guido Carboni con riferimento ai tifosi stabiesi giunti al Mapei Stadium afferma: “I tifosi che ci hanno sostenuto qui sono 300 eroi, si sono sobbarcati una trasferta lunghissima e li ringraziamo per questo..”
Le parole dell’allenatore della Juve Stabia non possono descrivere meglio lo sciame gialloblù che da Castellammare è arrivato a Reggia Emilia: 1300 kilometri totali vissuti con passione, allegria, goliardia e senza alcuna paura della fatica, delle cattive condizioni climatiche incontrate, soprattutto all’andata, e dei disagi vari.

Quello che maggiormente salta all’occhio quando la Juve Stabia gioca in trasferta, soprattutto al Nord, è appunto la differenza in termini di presenze allo stadio che c’è, proporzionalmente, tra le partite interne delle Vespe e quelle fuori casa. Questo tifo “asimmetrico” è dovuto soprattutto al fatto che tanti stabiesi, che per anni hanno rappresentato lo zoccolo duro del tifo gialloblù, si sono trasferiti per motivi familiari o lavorativi al Nord, potendo seguire da vicino le Vespe solo quando il calendario le porta appunto in zone lontane da Castellammare.

Non è infatti un caso che a Reggio Emilia, in mezzo a tanti tifosi giunti direttamente da Castellammare, ci fossero gli “Swarm Toscana”, accorsi in massa al Mapei Stadium, ma anche tifosi provenienti da Pordenone, Mirandola, Milano, Trieste, Chianciano Terme, Roma. Addirittura, a Reggio Emilia sabato sera, sono arrivati alcuni stabiesi che da anni vivono in Svizzera, ma che però non hanno perso l’occasione di seguire dal vivo la propria squadra del cuore.

La passione dilagante di tanti stabiesi “emigrati” deve rappresentare uno stimolo per tanti tifosi di Castellammare, che troppe volte hanno lasciato e lasciano la Juve Stabia giocare in uno stadio desolatamente semivuoto. I risultati e le vittorie della Juve Stabia appartengono, prima ancora che ai calciatori, alla Città; sarebbe quindi auspicabile che i cittadini, più o meno appassionati di calcio, fossero presenti in massa mercoledì sera al Menti per spingere le Vespe al passaggio del turno. Un assist lo ha servito anche la Lega Pro, che ha consentito a Juve Stabia e Reggiana di abbassare i prezzi dei  biglietti proprio per favorire un maggiore afflusso di tifosi nei rispettivi stadi.

Lo spirito deve essere quello dei 300 eroi che al Mapei Stadium hanno urlato tutto il loro amore e la loro passione per la squadra della propria Città; sarà importante andare al Menti anche per loro, che non potranno essere presenti nel loro stadio. Bisognerà tifare, cantare e (si spera) gioire anche per loro e per chi non potrà esserci.
Tutti insieme per un grande sogno!

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più