Juve Stabia - Approfondimenti

ESCLUSIVA – Juve Stabia, Nicola Ciotola: 19 giugno vittoria da brividi. Che azione con Tarantino e Corona..

Nicola Ciotola Juve Stabia

Alla vigilia della gara con la Reggina abbiamo intervistato Nicola Ciotola, ex punta della Juve Stabia targata Braglia ed ora in forza alla Casertana. Pubblichiamo anche sul nostro sito la chiacchierata con Ciotola, presente sulle pagine del match program distribuito sabato al Menti.

Ciao Nicola! Come stai e come valuti la stagione tua e della Casertana? Ciao! A Caserta mi trovo veramente bene e sono contento della buona stagione che stiamo disputando. Siamo un gruppo solido e stiamo ottenendo degli ottimi risultati. Il fatto di essere in zona play off ci fa ovviamente piacere ma non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo primario che è la salvezza. Non dobbiamo accontentarci ma pensare solo a fare più punti possibili; dopo aver fatto i punti necessari per la matematica salvezza penseremo a qualcosa di diverso.

Che ricordo hai della tua esperienza alla Juve Stabia? Di Castellammare ho un bellissimo ricordo. Si tratta di una piazza che vive di calcio e che trasmette passione anche ai suoi calciatori; in più si ha sempre un ricordo particolare delle piazze dove si è vinto. Per tutte queste ragioni non posso che essere legato a Castellammare ed alla Juve Stabia.

Ci sono due istantanee del 19 giugno in cui sei protagonista: la splendida azione finalizzata da Corona per lo 0 – 2 e la successiva esultanza in cui ti arrampichi sulla rete quasi per abbracciare i tifosi. Esatto, forse però mia istantanea è il triplice fischio dell’arbitro. In quel momento ci rendemmo conto di essere entrati nella storia e di aver fatto qualcosa di inimmaginabile. Nessuno avrebbe pronosticato quel risultato e la fine della partita fu una liberazione.

Arrivasti alla Juve Stabia come botto di quel mercato invernale. C’è un po’ di rammarico in te per non aver potuto essere più incisivo? Un pizzico di rammarico c’è perchè mi feci male appena arrivai alla Juve Stabia. Ai primi di febbraio, dopo tre partite, mi infortunai al ginocchio e questo compromise tutta l’esperienza alle Vespe. Fortunatamente scelsi di operarmi subito dopo la fine della stagione, così da essere disponibile per i play off. Se non sbaglio mi operai proprio uno o due giorni dopo la fine dei play off. Essere stato parte di quella impresa mi riempie ancora di gioia e sinceramente..Tarantino avrebbe potuto ridarla a me quella palla e non a Corona!! (ride n.d.r.)

Il tuo approdo alle Vespe è legato a Piero Braglia, con cui hai vinto il campionato, ma da protagonista, anche a Pisa. Fu determinante nella tua scelta? Ti senti ancora con lui? Con Mister Braglia ho un bellissimo rapporto ed ovviamente la sua presenza fu determinante per la mia scelta. Ricordo che mi chiamò quando ero al Taranto ed in un attimo mi convinse a venire alla Juve Stabia. Con lui c’è un legame che va oltre il calcio. Ci sentiamo spesso e ancora oggi gli ricordo che in tutti i campionati che ha vinto c’ero io in campo..sono il suo portafortuna! Forse quest’anno all’Alessandria riuscirà a vincere senza avermi come talismano! (ride n.d.r)

Molti tuoi ex compagni che abbiamo intervistato hanno parlato di uno spogliatoio molto unito, eravate amici, non colleghi. E’ rimasto con qualcuno un legame forte? Eravamo uno spogliatoio bello ed unito, e questo ha inciso sui risultati. Alla Casertana sono con Gigi Pezzella, altro ex di quell’impresa e con lui mi trovo benissimo. Anche con altri ragazzi dello spogliatoio della mia Juve Stabia mi sento spesso tramite sms e chiamate.

Nella tua Juve Stabia militavano Cazzola, Mbakogu, Colombi, giovani arrivati poi in Serie A. Ti aspettavi potessero fare tanta strada? Sinceramente sì, già all’epoca si vedevano qualità diverse dalle altre. In più stiamo parlando di tre bravissimi ragazzi che hanno anche lavorato tanto per affinarsi e migliorarsi in tanti aspetti. Dispiace un po’ per gli infortuni che hanno colpito Cazzola e Mbakogu condizionandone la crescita.

Tornando all’attuale Juve Stabia, pensi che gli ultimi due mesi di calo abbiano un po’ tagliato fuori i gialloblè dalla corsa alla promozione diretta o ci sono ancora possibilità di recuperare le prime della classe? Credo che manchino ancora troppe partite per dare verdetti definitivi. Ci sono ancora tanti punti disponibili ed è ancora tutto aperto; in più il girone C è particolarmente difficile quindi anche le altre big possono perdere punti. Penso che le Vespe se la possano giocare ancora fino in fondo con Lecce, Foggia e Matera.

Un saluto ai tifosi stabiesi. Saluto con tanto affetto la Juve Stabia ed i tifosi stabiesi; Castellammare è una piazza stupenda e faccio a tutti un in bocca al lupo di cuore, sperando che possiate raggiunge tutti i vostri obiettivi.

Raffaele Izzo

Si diffida da qualsiasi riproduzione e/o utilizzo del presente contenuto senza citazione della fonte

Credit Foto: Tuttomecatoweb.com

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale