Quantcast
Banner Gori
Campionato Serie C
Juve Stabia - Approfondimenti

APPROFONDIMENTO – Juve Stabia, la cooperativa del gol…

Per la Juve Stabia è già tempo di vacanze e relax. Il prossimo turno vedrà infatti le Vespe “scontare” il turno di riposo forzato, che allunga così di una settimana la pausa invernale dei gialloblù. In questo periodo di sosta risulta più facile analizzare meglio il rendimento della squadra di Caserta e Ferrara, scovando anche peculiarità non evidenti ma che possono dire molto sul modo di giocare della Juve Stabia. Posando la lente di ingrandimento sulle cifre, un dato abbastanza palese salta all’occhio, quello del numero di calciatori gialloblù andati a segno nel corso della stagione: sono ben 11, praticamente una squadra intera.

Dell’undici attualmente “titolare” hanno trovato la via della rete (per brevità riportiamo solo uno degli avversari puniti da ogni gialloblù): Crialese (Lecce), Bachini (Reggina), Mastalli (Andria), Viola (Matera), Strefezza (Casertana), Canotto (Andria), Lisi (Casertana), Paponi (Paganese) e Simeri (Andria); a loro vanno aggiunti Allievi, centrale difensivo andato a segno addirittura due volte (Paganese e Racing Fondi), Nava e Berardi, che hanno griffato la prima stagionale della Juve Stabia in Coppa Italia (Virtus Bassano).

La varietà e la facilità con cui la Juve Stabia riesce a trovare la via delle rete è un ulteriore indizio che lascia comprendere come il progetto tecnico sia completamente diverso rispetto a quello della scorsa stagione, ma non meno di valore. E’ cambiata, infatti, la struttura, anzi, la natura della squadra: se nello scorso campionato vi era l’attaccante da 15 reti (17, se non ne fossero state annullate inspiegabilmente due nei playoff) a trainare la squadra, quest’anno è tutta la squadra, in ogni suo elemento, in grado di fare la differenza. Al Ripa di turno si è quindi sostituito un intero impianto capace di fare male nella sua totalità.

Non vi è più il pezzo forte centrale cui agganciare i risultati e legare il resto della squadra; la Juve Stabia 2018/19 si compone come un puzzle, in cui ogni pezzo ha la medesima importanza di quello precedente e di quello successivo. Così le Vespe possono contare sulla vena realizzativa di Paponi e Simeri, attaccanti diversi ma in grado di integrarsi perfettamente; sul senso del gol di Lisi e Canotto, entrambi in ripresa dopo un inizio di stagione pigro, e sulla vivacità di Strefezza, rigenerato dal ruolo di trequartista puro cucitogli addosso da Caserta.

Alle bocche di fuoco si aggiungono poi Mastalli e Viola, micidiali anche lontano dalla propria zona di competenza, centrali difensivi dagli ottimi tempi di inserimento (Allievi e Bachini su tutti), e terzini bravi anche nella soluzione dalla distanza.

L’inversione di tendenza rispetto alla scorsa stagione è stata palpabile anche durante l’assenza di Daniele Paponi: l’infortunio del miglior marcatore gialloblù è stato attutito dalle reti dei vari Viola, Bachini, Simeri, Canotto e così via. Se l’uomo da doppia cifra viene meno, ci pensano le reti (isolate ma non troppo) dei singoli a fare la differenza.

Se letto nel modo giusto questo è un ulteriore aspetto di crescita per la Juve Stabia, il cui merito non può che essere ricondotto ai tecnici Caserta e Ferrara: raggiungere risultati importanti diventa più facile anche senza un bomber puro, se in compenso si può contare su una cooperativa del gol.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più