Quantcast

Juve Stabia - Approfondimenti

APPROFONDIMENTO – Juve Stabia, 4-3-3 ma non solo

Le amichevoli della scorsa settimana disputate dalla Juve Stabia contro Ercolanese ed Equipe Campania hanno lasciato indicazioni importanti, lasciando in parte intuire gli aspetti su cui Caserta e Ferrara stanno principalmente lavorando. Al di là dei punteggi, vittorie per 1 – 0 e 3 – 1, che lasciano il tempo che trovano, le gare dei giorni scorsi sono una buona base da “studiare”.

Salta all’occhio la verve del giovane Tommaso Costantini, già con l’argento vivo addosso. Il classe 1996 arrivato dalla Spal è al momento il vice Paponi, ed ha mostrato tutte le qualità del suo repertorio. Seconda punta agile e veloce, Costantini ha timbrato il cartellino in entrambe le gare: da rapinatore d’area, dal dischetto ed infine di potenza, ben sfruttando la vetrina concessagli dai Mister.

Non sono certo una sorpresa, poi, le qualità di Mastalli, tra i più vivaci in entrambe le gare. Il giovane centrocampista non ha fatto mancare la propria abnegazione nemmeno in partite amichevoli e, se il mercato lo lascerà in gialloblù, sarà il leader delle Vespe.

L’indicazione più interessante l’hanno data però Caserta e Ferrara. I tecnici hanno momentaneamente abbandonato il 4-3-3 per provare il 3-5-2. Difesa a tre nella prima gara con Bachini, Morero ed Allievi, con Atanasov subentrato nella ripresa. Il rinnovo di Allievi, centrale mancino, era stato il primo indizio della scorsa settimana su questa possibile variante.
Offrire così a Bacci la copertura di una retroguardia che possa contare su Atanasov, dominante fisicamente, Morero, bravo anche a far partire l’azione da dietro, ed Allievi, duttile e granitico, sarebbe certamente un punto di forza per la Juve Stabia.
Ferme restando poi le ottime qualità di Dentice (gran gol per lui sabato), Crialese e Nava, le fasce troverebbero interpreti ideali in Cancellotti e Lisi, che fanno della corsa e della velocità le proprie armi migliori.

Resta ovviamente il 4-3-3 il modulo di riferimento, ma l’intelligenza nel saper cambiare pelle, modellandosi anche in funzione dell’avversario, è una delle qualità che una squadra, che ambisce a fare bene, deve avere.

In attesa che si chiariscano definitivamente le dinamiche di mercato in sospeso e che i lavori attualmente “in corso”, terminino, gli indizi per vedere una Juve Stabia camaleontica ci sono tutti.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania