Quantcast

juvestabia - editoriale

EDITORIALE – Juve Stabia, un cucchiaio di vitamina B

Si chiude il sipario sulla sfida a quote alte tra Juve Stabia e Catanzaro. La gara, conclusasi a reti inviolate, a discapito del risultato “povero” è stata invece ricca di emozioni, tenendo in piedi molti degli spettatori del Menti e dei tifosi avanti alla tv. Inevitabile che il risultato sia stato accolto in modo diverso dalle due squadre: per il Catanzaro la gara di ieri rappresentava l’occasione principe per avvicinarsi alla Juve Stabia, colpendola nel proprio stadio e costringendola a salutare l’imbattibilità; il divario in classifica ha permesso invece alle Vespe di “gestire” risultato e distacco, mantenendo al triplice fischio le distanze, senza abdicare dal ruolo di regina imbattuta.

Nonostante le schermaglie dialettiche (a senso unico) e le analisi della gara molto “tifose”, il match è stato equilibrato, con Juve Stabia e Catanzaro a prevalere sull’altra in modo ed in momenti differenti. Il possesso palla è stato, probabilmente e complessivamente, di marca calabrese mentre le occasioni migliori sono state colorate di gialloblù. Carlini è andato per due volte vicinissimo alla rete, a Paponi è stata annullata una rete non chiarita dai replay a disposizione, Allievi si è visto fermare sulla linea di porta: episodi che non possono essere non considerati nell’analisi della gara.

Chiaramente il finale di gara si è preso la scena. In quella che la scorsa settimana abbiamo definito “Zona Vespe”, il Menti ha tirato il fiato a causa del contatto Giannone – Marzorati. Calcio di rigore di cui si incarica lo stesso 10 catanzarese, che preferisce concentrarsi sulla beffa da regalare agli avversari piuttosto che sulla trasformazione del penalty. Scavetto improbabile e maldestro, con Branduani che rimane fermo fino all’ultimo, per accogliere facilmente il pallone tra le sue braccia. La panchina gialloblù, i tifosi e la squadra esplodono per una parata che, come spesso si dice ma stavolta per davvero, vale più di un gol.

L’intervento dell’estremo difensore stabiese lascia invariate le distanze tra Juve Stabia e Catanzaro, candidandosi ad essere, magari tra qualche mese, una delle immagini più significative del campionato delle Vespe. Una parata che può avere sulla squadra e sull’ambiente l’effetto di una dose, perché no – un cucchiaio – di vitamina B. Senza pensare alle scorie psicologiche che gli undici metri fatali potrebbero avere sul Catanzaro, perché la priorità e guardare in casa propria, la Juve Stabia deve assimilare al massimo l’entusiasmo per un pareggio che vale quanto una vittoria, gettandosi con carica e concentrazione nei prossimi impegni, decisivi e ravvicinati.

Il pieno di vitamina B (lettera con cui inizia il cognome del San Paolo stabiese, senza altri riferimenti) di ieri sera potrà essere determinante nelle prossime settimane più di quanto già non lo sia stato ieri. Un finale di gara simile, ma allo stesso modo diverso, a quello di Vibo Valentia: anche al “Razza” di Vibo l’imbattibilità sembrava essere scemata sul più bello, prima che la magia di Carlini ridesse linfa alle Vespe. Una squadra che ogni settimana riesce a trovare la ricetta (medica) giusta per il match da affrontare.

Un’altra settimana è trascorsa, una giornata in meno al termine di una estenuante maratona a quattro: un rush finale da affrontare con il giusto pieno di vitamina B.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania