Quantcast

juvestabia - editoriale

EDITORIALE – Juve Stabia, la magia del 10

L’esordio in campionato della nuova Juve Stabia contro la Fidelis Andria ha fatto capire che, quella appena iniziata, sarà una stagione diversa da quelle passate.
Rispetto agli anni scorsi già si può notare una piccola ma apprezzabile inversione di rotta, con le Vespe che nelle stagioni precedenti, avevano sempre mal digerito la prima di campionato, uscendo sconfitti. In terra pugliese, invece, è subito arrivato il primo punto della Juve Stabia 2017/18, che ha abbandonato immediatamente la casella 0 in classifica.

Salta all’occhio, inevitabilmente, la super prestazione di Daniele Paponi, nuovo leader in campo e fuori della Juve Stabia. Come sta avvenendo in Serie A con Dybala, anche Paponi sembra essere galvanizzato dal magico 10 che gli e stato posto sulle spalle, rendendosi protagonista di giocate e personalità mai viste lo scorso anno. Giusto che la copertina se la prenda Paponi, ma dietro di lui c’è una squadra che, al netto dei normali errori in questa fase, sta dimostrando di avere qualità tecniche ed umane da non sottovalutare.

Morero è già il Capitano che sprona e sgrida i compagni, Viola il metronomo dinamico della squadra (espulsione da perdonare la sua), Mastalli regala lampi di classe, Berardi mostra vivacità rara per essere un giovanissimo esordiente, così come Lisi, una volta al top della condizione, sarà il turbo della squadra.

Una squadra che ben mescola la sua anima giovane a quella di esperienza, come i suoi Mister, Caserta e Ferrara, uno giovane e all’esordio, con l’altro a dare il giusto contributo in termini appunto di esperienza.

Proprio per le buone sensazioni post gara, il risultato va visto in modo sicuramente positivo e fiducioso. Ci sta che il 3 – 3 finale lasci un po’ di amaro in bocca, ed è giusto così, perché l’ambizione è alla base dei successi, ma è anche giusto comprendere che in dieci uomini, con una condizione traballante, contro un ottimo avversario ed in un campo caldo, subire la rete del pareggio è un passo “necessario” e normale che farà crescere la Juve Stabia.

Riuscire a mantenere poi il pari negli ultimi concitati minuti, con una Fidelis più in palla ed in superiorità numerica, è un ottimo segnale in tema di determinazione e caparbietà.

Tutti segnali che fanno ben sperare e che, magari affiancati a dei lavori al Menti quanto più rapidi possibile, non lasciano dubbi sul cuore ed il sacrificio che la nuova Juve Stabia metterà in campo per tutta la stagione.

E poi, contando anche su un 10 così tirato a lucido, tutto sarà meno difficile.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania