Quantcast
Banner Gori
juvestabia - editoriale

EDITORIALE – Juve Stabia, calma e sangue freddo

Non era certo l’esordio casalingo che la Juve Stabia sognava. Le Vespe non riescono a cancellare il k.o. di Empoli cadendo anche al Menti contro un Pisa apparso, allo stato, più pronto fisicamente e tatticamente alla nuova categoria da affrontare. Fermi i tanti aspetti in cui c’è da migliorare, cadere in depressione e tirare le somme dopo appena 180 minuti di gioco sarebbe un errore molto pericoloso.

Del resto una partenza con il freno a mano tirato non implica un campionato condotto a ritmi blandi soprattutto perché la Juve Stabia ha mostrato sia al cCastellani che contro il Pisa di poter far male all’avversario quando cattiveria e concentrazione sono alte ma gli automatismi ancora da trovare e la condizione non ottimale non stanno aiutando il gruppo di Caserta. Altrettanto lampante, quasi banale, ma evidentemente non chiaro a molti, è che la Serie B è un campionato completamente diverso, per complessità, insidie e preparazione degli avversari, rispetto alla Serie C; aver vinto il proprio girone in terza serie non garantisce di diritto, o quasi, una tranquilla salvezza in cadetteria. Prima si abbandonano i voli pindarici di playoff e Serie A in tempi “brevi” ascoltati nelle settimane estive in più sedi e prima si inizierà la vera corsa verso l’obiettivo concreto e reale: la permanenza in Serie B.

Tornando al match di ieri, le indicazioni che lascia il campo parlano di una squadra in bilico tra il 3-5-2 ed il 4-3-3, soluzioni tattiche ben note alle Vespe, ma allo stato ancora non del tutto “aggiornate” alla nuova categoria da parte dei ragazzi di Caserta che ad oggi non sembrano poter fare a meno di Di Gennaro e Cissè. Anche se impegnati nella ricerca di una forma fisica ottimale, i due rappresentano oggi il concentrato di qualità ed esperienza da cui la squadra deve ripartire. Accanto a questo aspetto si delineano altri messaggi che lancia il campionato: la brillantezza che molti senatori devono ritrovare; la maggior cattiveria agonistica che deve essere costante a prescindere da modulo ed avversario, rinviando a fine stagione i pensieri su future categorie e squadre; la posizione di Elia, devastante da esterno nel 4-3-3 ma non (ancora) in grado di supportare il ruolo a tutta fascia del 3-5-2; la maggior copertura che deve essere garantita al e dal centrocampo, con altri muscoli da affiancare a quelli di Addae.

A questi aspetti si aggiungono altre due considerazioni, che esulano da moduli, schemi e sostituzioni. La prima è che la rincorsa verso la salvezza deve iniziare non solo dal campo ma anche dalle scrivanie del mercato; dovrà essere lucido e bravo il diesse Polito a garantire nelle ultime ore di mercato innesti di esperienza in grado di migliorare mentalità e tasso qualitativo della squadra. Seconda riflessione destinata a chi con un fischio decide le sorti di un match e, sul lungo periodo, di una stagione: seconda gara e secondo chiaro errore a danno della Juve Stabia, regolarmente passata in vantaggio con Di Gennaro. Gli errori arbitrali non devono diventare un alibi ma nemmeno una triste consuetudine cui abituarsi.

Sbagliato era pensare che la rete di Cissè ad Empoli avesse cancellato tutti i problemi; sbagliato ora abbattersi pensando alle scorribande di Lisi: c’è da lavorare, da migliorare e da combattere ma nulla è precluso, con calma e sangue freddo.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più