Calcio - Eccellenza campana Ischia

Promozione-Nuova Ischia,Mister Isidoro Di Meglio: ” Risultati negativi? E’ un problema di testa”

Secondo pareggio consecutivo in casa per la Nuova Ischia che inciampa con il San Giuseppe al Mazzella. Per i gialloblu si tratta della quarta partita senza vittoria e senza gol. Un 2017 iniziato con una striscia di risultati negativi:con due pareggi e due sconfitte consecutive in trasferta. La formazione di Di Meglio dal primo posto in classifica è scivolata al terzo posto in classifica dove il Bacoli e il Monte Di Procida continuano a vincere. In casa Ischia il momento è davvero delicato,lo si apprende anche dalle parole a fine partita con il San Giuseppe, da parte del tecnico isolano. Cosa sta succedendo a questa squadra ? “Succede che chi dovrebbe prendersi le responsabilità in mezzo al campo in questo momento non ci riesce,fa fatica-commenta l’allenatore isolano-I calciatori che dovrebbero dare cento stanno dando cinquanta ed il pallone nei piedi di qualcuno scotta,quindi accade tutto ciò in una partita. La squadra prima era più libera mentalmente, ora stiamo affrontando delle difficoltà. Sembra tanto che si vuole spaccare la porta,invece magari potrebbe bastare semplicemente accompagnarla o appoggiarla la palla in rete. E’ una questione di testa e di personalità,questa purtroppo non si compra: o ce l’hai o non ce l’hai,purtroppo in questo momento è la difficoltà che stiamo trovando”. Oltre alla prestazione sottotono in campo da parte della Nuova Ischia,ci si è messo anche il San Giuseppe arrivato al Mazzella con l’intenzione di portare a casa un punto prezioso. “Il San Giuseppe è venuto qui a difendersi,non ricordo dei loro tiri in porta. Volevano prendere un punto e ci sono riusciti a portarlo a casa. Ma il problema non è il nostro avversario,ma siamo noi. Possiamo mettere chiunque in campo,purtroppo non è una questione di modulo o di uomini ma soltanto di testa. Qualcuno ha iniziato ad accusare la pressione, se i calciatori che vincono i campionati sono sempre gli stessi un motivo ci sarà”. Un 2016 chiuso straordinariamente per la Nuova Ischia al primo posto. Sembrava la regina del campionato per la  vittoria finale anche in virtù dei rinforzi arrivati dal calciomercato di dicembre,con l’arrivo dei fratelli Saurino. Lo stesso attaccante Gianluca che insieme ad Arcobelli avrebbe dovuto completare un tandem d’attacco di grande spessore. Sono quattro partite che la squadra non va in gol e sopratutto proprio Gianluca Saurino non ha trovato ancora la via del gol. “ Abbiamo provato un 4-3-1-2,questa volta siamo partiti con un 4-4-2 per poi cambiare in 4-3-3 e passare al 3-3-4. Possiamo giocare come si vuole, c’è bisogno solo che i nostri calciatori si sblocchino mentalmente. C’è qualcuno che proprio è timido,timoroso e qualcuno che ora ci sta dando meno rispetto all’inizio da quando siamo partiti”. Nonostante la striscia di risultati negativi,la lotta al campionato resta ancora aperta,ma Di Meglio fa capire che il morale in questo momento non è dei migliori: ” Non ci voglio più nemmeno pensare,ora devo cercare di recuperare quella che era la mia squadra. Adesso abbiamo perso qualcosa,questi risultati così non ce li aspettavamo. Purtroppo sono venuti e dobbiamo cercare di capire cosa sta succedendo. Devo lavorare sulla testa dei ragazzi,perchè ripeto,non è una questione di uomini. In questo momento abbiamo bisogno di giocatori di personalità,che non abbiano paura e che si prendano delle responsabilità “. Uno dei giocatori che sembra avere un periodo di appannamento è proprio Arcobelli che fin ora ha trascinato la squadra in vetta alla classifica con grandi prestazioni. ” Appunto mi riferisco a giocatori come lui,però se lo vedo allenare durante la settimana ti garantisco che va a mille all’ora. Perciò ripeto è tutta una questione mentale,noi ci dobbiamo allenare in funzione della partita di domenica. Se il problema è questo,vorrà dire che questa settimana al posto di correre ci fermeremo un attimo per capire meglio”. 

A cura di Simone Vicidomini

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale