Quantcast
Banner Gori
Euro 2016 Ucraina-Polonia, Irlanda-Germania
Cronaca Sportiva SPORT

Ucraina-Polonia 0-1: gialloblu spreconi e biancorossi secondi del girone C

Si disputa al Vèlodrome di Marsiglia l’ultima gara del gruppo C, che vedrà la squadra di Fomenko (ormai fuori dai giochi) contrapporsi ad una delle rivelazioni di questo Euro 2016. La Polonia, infatti, dopo aver raggiunto per la prima volta nella sua storia la fase ad eliminazione diretta in un campionato europeo, sogna addirittura di scavalcare la Germania e qualificarsi come prima forza del raggruppamento. Lewandowski  per il momento delude, ma ci sta pensando Milik a caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco biancorosso. La difesa è una delle più impenetrabili con il duo Glik-Pazdan, ma forse la vera forza di questa Polonia è il buon gioco sulle fasce, presidiate da Blaszczykowski e Piszczek (oggi entrambi a riposo). La gara sarà diretta dal norvegese Svein Oddvar Moen, che ha già diretto Galles-Slovacchia, terminata con il risultato di 2-1 Intanto, nel centro storico della città francese si registrano nuovi scontri, con due uomini arrestati per aver lanciato bottiglie.

PRIMO TEMPO:

La Polonia, schierata con il solito 4-4-2 parte subito forte ed al 3’ arriva già una prima grande occasione per Milik: il centravanti dell’Ajax si invola verso la porta avversaria e spara addosso a Pyatov. Passa un solo minuto e Lewandowski si divora un gol  quando è ormai solo davanti al portiere avversario: calcia di prima intenzione ma la palla va sul fondo. Al 5’ il portiere biancorosso sta per combinarla grossa! Non trattiene il pallone davanti alla porta ma  Zozulya è troppo lontano per approfittarsene. Al 10’ primo sussulto ucraino: Yarmolenko ci prova con l’esterno sinistro ma Fabianski si oppone. All’11’ colpo di testa di Zozulya, ma il tiro è debole. Ora l’Ucraina gioca bene. Al 16’ episodio sospetto nell’area polacca con Yarmolenko che cade, l’arbitro lascia correre. Al 17’ lo stesso Yarmolenko fallisce una buonissima opportunità per portare in vantaggio i suoi: l’attaccante va via da solo ma poi spara sul fondo davanti a Fabianski! Al 20’ c’è un calcio di punizione da posizione interessante per la Polonia, Glik colpisce di testa ma la palla va sul fondo. Al 23’ altro episodio da moviola: Pazdan tocca Zozulya in area di rigore, ma per Moen è tutto regolare. Al 25’ giallo per il capitano ucraino Rotan, che ferma fallosamente una ripartenza di Kaputska. Al 29’ bel tiro di Konoplyanka che fa la barba al palo. Al 30’ nuova occasione per lui, autore di un tiro che sfiora il palo. Intanto la Germania è passata in vantaggio contro l’Irlanda del Nord. Al 38’ cartellino giallo per Kucher che entra duro su Lewandowski. Al 39’ Konoplyanka si fa sfuggire una nuova occasione: serve Butko che poi cerca di restituirgli il pallone ma al momento di tirare a rete, l’attaccante non riesce ad impattare il pallone. Al 44’ conclusione improvvisa e potente di Jodłowiec, ma il tiro è troppo centrale. Il primo tempo finisce con il risultato di 0-0, con più occasioni ucraine che polacche. Gli uomini di Fomenko, però, sono poco lucidi sotto porta.

SECONDO TEMPO:

Al 46’ prima sostituzione del match ed è tra le fila ucraine: esce Zielinski, entra Blaszczykowski. Al 48’ occasione per l’Ucraina: cross dalla sinistra e colpo di testa alto di Zinchenko. Al 54’ GOL per la Polonia: il neoentrato Blaszczykowski segna la rete dell’1-0! L’esterno, ricevuta palla da Milik, si beve la difesa ucraina con un dribbling in area per poi tirare sul secondo palo dove Pyatov non può arrivare. Al 56’ i biancorossi mandano in fumo la possibilità di raddoppiare: ripartenza bruciante di Kapustka che poi spara sull’esterno della rete anziché servire Lewandowski in mezzo. Al 60’ Ammonito Kapustkaper un fallo da dietro su Yarmolenko. L’Ucraina continua ad attaccare, è un vero e proprio assedio nell’area di Fabianski ma manca concretezza: Zozulya tenta una mezza rovesciata da fuori area ma è facile per il portiere avversario neutralizzare il tentativo. Al 71’ sostituzione per la Polonia: esce Kaputska, entra Grosicki. Al 73’ sostituzione tra le fila ucraine, Kovalenko prende il posto di Zichenko. Al 74’ Milik di testa su cross di Grosicki, non riesce ad angolarla bene e la sua spizzata finisce sul fondo. Al 78’ contropiede dei polacchi alimentato da Lewandowski che prova a servire Grosicki, ma Khacheridi recupera il pallone con l’arbitro che vede una posizione di offside e ferma il gioco. All’80’ nuova occasione per l’Ucraina: Zozulya stacca di testa e sfiora il palo alla destra di Fabianski! All’83’ ancora gialloblu in avanti: conclusione di Rotan dalla distanza, Fabianski si distende respingendo la sfera ed in uscita viene travolto da Fedetskiy. E’ l’Ucraina la squadra più pericolosa: all’86’ Butko rimette il pallone al centro dell’area di rigore, e tocca a Krychowiak salvare il risultato. L’arbitro assegna 3 minuti di recupero. Al 92’ secondo cambio per l’ucraina: esce Zozulya, entra Tymoshchuk. Al 93’ fuori Milik, dentro Starzynski. Il direttore prolunga il tempo di recupero a causa dei due cambi effettuati. Al 94’ arriva il triplice fischio: Polonia batte Ucraina con il risultato di 1-0 e si qualifica agli ottavi di finale come seconda del gruppo C. Nella prossima gara, se la vedrà con la Svizzera.

FORMAZIONI UFFICIALI:

UCRAINA (4-2-3-1): Pyatov; Fedetskiy, Kucher, Khacheridi, Butko; Stepanenko, Rotan; Yarmolenko, Zichenko, Konoplyanka; Zozulya. All. Fomenko
POLONIA (4-4-1-1): Fabianski; Cionek, Pazdan, Glik, Jedrzejczyk; Kaputska, Zielniski, Jodlowiec, Grosicki; Milik; Lewandowski. All. Nawalkaù

                                                                                                                     Claudia Demenica

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Claudia Demenica

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più