Quantcast
Banner Gori
Cronaca Sportiva

L’IFAB cambia le regole e rimodella il calcio: ecco le novità

L’associazione calcistica semplifica alcuni punti del regolamento

L’IFAB (International Football Association Board), giunta alla 133esima riunione, ha sancito la modifica di alcune parti del regolamento attualmente in vigore. La delibera sancita dall’associazione ha mirato alla semplificazione di alcuni punti del regolamento in modo da favorire il gioco e lo spettacolo. Le nuove regole sono già entrate in vigore per le competizioni FIFA: infatti, il campionato mondiale U20 che si sta svolgendo in Polonia segue le nuove disposizioni. Per vedere tali regole applicate nelle competizioni UEFA bisognerà attendere l’inizio dei preliminari di Champions League che partiranno il prossimo 25 giugno.

Ecco le modifiche al regolamento decise dall’IFAB:
FALLO DI MANO: Sarà sempre sanzionato ogni tocco di mano se il braccio sarà all’altezza delle spalle o sopra la linea delle stesse e in ogni caso ogni volta in cui il braccio sarà più largo del corpo e in posizione innaturale.
BARRIERA: Per evitare qualsiasi tipo di comportamento antisportivo, ogni attaccante dovrà posizionarsi ad almeno un metro dalla barriera avversaria, in qualunque direzione.
RINVIO DAL FONDO: Chi batte la rimessa da fondo campo non dovrà necessariamente servire un compagno che sosta all’esterno dell’area di rigore; anche chi si trova all’interno della stessa potrà giocare il pallone, mentre l’attaccante potrà intervenire soltanto dopo il primo tocco.
POSIZIONE DEL PORTIERE SU CALCIO DI RIGORE: Al portiere sarà permesso di spostare un piede oltre la linea di porta. La VAR, però, potrà intervenire e far ripetere il calcio di rigore, in caso di parata, se il portiere si trovi oltre la linea di porta al momento della battuta.
CARTELLINI GIALLI PER GLI ALLENATORI: Anche gli allenatori, come i calciatori, potranno ricevere cartellini gialli e rossi. Una volta espulsi però la raccomandazione è quella di squalificarli “sempre” per la giornata successiva.
L’ARBITRO NON FA PARTE DEL GIOCO: Fino ad oggi, se la palla colpiva l’arbitro il gioco continuava. Ora non sarà più cosi: nel momento in cui il pallone tocchi il direttore di gara favorendo una delle due squadre in modo significativo, il gioco sarà fermato e si riprenderà con una rimessa da parte dell’arbitro. In area di rigore, il pallone sarà sempre in possesso del portiere.
IL GOL DOPO IL TOCCO DI MANO: Qualsiasi gol segnato con un tocco di mano, anche involontario, non sarà più convalidato. Viene abolito il concetto di volontarietà.
SOSTITUZIONI: Per guadagnare tempo il giocatore dovrà uscire dal terreno nel punto più vicino.
VANTAGGIO E PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE: Sarà possibile battere subito il fallo, anche prima che l’arbitro abbia estratto il cartellino per far sì che il vantaggio si concretizzi realmente. Una volta terminata l’azione l’arbitro recupererà il cartellino, giallo o rosso che sia.
RIMESSA DA PARTE DELL’ARBITRO: D’ora in avanti l’arbitro consegnerà la palla a chi deve giocarla e l’avversario dovrà tenersi a una distanza di quattro metri.

a cura di Michele Avitabile

RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più