Quantcast

Banner Gori
GdF ORISTANO, MAXI CONFISCA DEI BENI APPARTENENTI ALL’INGEGNERE PSP
Senza categoria

Maxi confisca definitiva di beni all’Ing. Pinna Salvatore Paolo

GUARDIA DI FINANZA DI ORISTANO: MAXI CONFISCA DEFINITIVA DI BENI APPARTENENTI ALL’INGEGNERE PINNA SALVATORE PAOLO IN APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA ANTIMAFIA. .

 Maxi confisca definitiva di beni all’Ing. Pinna Salvatore Paolo

IL TRIBUNALE DI NUORO DISPONE LA DEFINITIVA REQUISIZIONE DI UN PATRIMONIO DI QUASI 9 MILIONI DI EURO. SI CONCLUDE, L’OPERAZIONE CONVEZIONALMENTE DENOMINATA LA SQUADRA, IL PRINCIPALE CAPITOLO D’INDAGINE SORTO PARALLELAMENTE ALL’INCHIESTA “SINDACOPOLI” CONDOTTO DALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI ORISTANO E DALLE FIAMME GIALLE: UN PATRIMONIO ACCUMULATO GRAZIE ALLE ATTIVITA’ ILLECITE DEL PROTAGONISTA DELLA CRICCA DEGLI APPALTI IN SARDEGNA VIENE DEFINITIVAMENTE SOTTRATTO AL MALAFFARE.

Importantissimo risultato conseguito dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della G. di F. di Oristano a tutela del buon andamento del mercato dei beni e servizi e del bilancio della Regione Sardegna e degli Enti locali.

Le Fiamme Gialle, al termine di complesse indagini di natura patrimoniale durate quattro anni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Oristano, hanno eseguito il decreto di confisca emesso dal Tribunale di Nuoro (divenuto esecutivo con sentenza della Suprema Corte di Cassazione) su un significativo patrimonio appartenente o riconducibile al PINNA e ai suoi familiari.
Gli accertamenti di natura economico-finanziaria fatti dagli uomini della Guardia di Finanza di Oristano, anche attraverso mirate indagini bancarie e patrimoniali, hanno consentito di dimostrare come il PINNA abbia, nel tempo, accumulato ricchezze e tenuto un tenore di vita sproporzionati rispetto ai suoi profili reddituali.

L’articolata opera di analisi e la certosina ricostruzione delle dinamiche relative al patrimonio dell’intera famiglia, infatti, hanno permesso di delineare compiutamente l’esistenza di una netta sproporzione tra le “entrate” ufficiali e le “uscite” dei suoi componenti, a fronte dell’effettivo tenore di vita manifestato (al netto, pertanto, dei redditi derivanti da fonti lecite).

Gli atti di confisca riguardano beni, quali, tra gli altri, conti correnti, quote sociali di n. 3 società, terreni e immobili di pregio nel territorio dei comuni di Cagliari, Aglientu, Palau e San Teodoro nonché n. 4 autovetture e n. 1 motoveicolo, per un valore stimato complessivo di oltre 8,6 milioni di euro.

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Redazione

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat