Sud - terza pagina

ESCLUSIVA – Castellammare, il Pres. Assoc. “Bella Storia”: “Tramite l’informazione si cresce e si ha coscienza di ciò che si fa”

Castellammare di Stabia, ieri alle ore 19.00 presso il Salone Viviani, si è svolto un incontro culturale dal nome “Ti racconto una Bella Storia”.

Bella Storia è un’associazione culturale che nasce con l’obiettivo di valorizzare tutte quelle persone che vogliono impegnarsi quotidianamente nell’attività politica, sociale e culturale, ma non hanno gli strumenti per farlo. L’associazione nasce a gennaio di quest’anno grazie alle iniziative di ragazzi che si mettono in gioco, non figli di qualcuno o vicini a qualcuno, ma che sentono il bisogno di dire o fare qualcosa sul proprio territorio e per tutta l’Italia.

A questo incontro hanno partecipato Luisa Ruocco, referente territoriale Bella Storia, nelle vesti di moderatrice; Manuel Mangano, Presidente Bella Storia; Mario Del Gaudio, Coordinatore Campania Bella Storia; Amelia Memoli, autrice del libro Era Un semplice pomeriggio di primavera”; il Dott. Romeo Simonetti psicologo-psicoterapeuta ASLNA3 Sud. La Redazione di VIVICentro.it è stata presente all’evento.

L’incontro ha avuto come tema principale quello dell’adolescenza e tutte le problematiche e gli effetti positivi che ne derivano. Il tema è stato trattato attraverso l’analisi del libro “Era un semplice pomeriggio di primavera”, la cui autrice è la ventenne Amelia Memoli. 

Riguardo la tematica della cultura , il Presidente di “Bella Storia”, Manuel Mangano, si è espresso al riguardo, dichiarando: “Bisogna crederci sempre, mollare mai. Questo per quanto riguarda il tema della cultura e sia quello sociale, argomento fondamentale di cui non mi stancherò mai di parlare.Bella Storia nasce con l’obiettivo di ritornare tra la gente, a parlare di cose vere. Oggi lo abbiamo voluto fare attraverso il libro di Amelia, affrontando delle problematiche adolescenziali, coinvolgendo un’autrice del territorio e anche lei molto giovane, cercando di lanciare anche qui a Castellammare un progetto molto importante, che sta nascendo in tutta Italia.” 

Alla domanda su come i social possano influire, in positivo o in negativo su i giovani e sulla formazione della propria cultura, il Presidente ha risposto così: “Sicuramente i social sono un arma a doppio taglio, ed oggi più che mai, possiamo notare quanto influiscano nella vita di ognuno. E’ chiaro che è ci sono diversi modi di informarsi, e l’informazione che gira sui sociale e su internet è molto importante. Bisogna avere tanta criticità, in modo tale che una persona possa avere accesso ad informazioni importanti e vitali per il proprio percorso personale, evitando fake news e tutte quelle cose che possono essere da ostacolo alla crescita cultura e al bagaglio di ognuno. La globalizzazione ci dà tantissimi vantaggi, ci permette oggi di conoscere culture lontane, di poter prendere un aereo e viaggiare in tutto il mondo, ma allo stesso tempo ci costringe a ridurre tutto a piccolezze, si sta perdendo il valore di tante cose. Oggi per esempio preferiamo comprare un nuovo paio di scarpe, invece di portare quelle vecchie dal calzolaio, e così si perde il mestiere del calzolaio. E’ vero che il mondo cambia, ma ci sono mestieri antichi come questo che rischiano di estinguersi.”

Ma un altro tema caldo per i giovani è quello della politica, e del quasi totale disinteressamento che questi hanno verso un tema così delicato, derivante, probabilmente, da una disinformazione totale. Al riguardo Manuel Mangano, ha affermato: “Per quanto riguarda i giovani e la politica, c’è molta diffidenza. I giovani sono interessati a quello che accade nel loro paese, semplicemente sono male informati e il fatto che oggi a vincere in Italia le elezioni siano partiti che, aldilà delle ideologie, lavorano meglio sui sociale, e mi riferisco alla Lega e al M5S, mi rendo conto che veicolare delle informazioni attraverso i social è la risposta vincente. L’invito che voglio dare ai giovani e in particolare a tutte le persone che si vogliono approcciare al mondo della politica è criticità, impegno e costanza nell’informazione, tramite l’informazione si cresce e si ha coscienza di ciò che si fa.”

a cura di Vincenza Lourdes Varone

RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania