Quantcast

commissione ambiente napoli cupa perillo
Sud - sanità

Napoli, in commissione Ambiente la situazione dei rifiuti ai Quartieri Spagnoli

In commissione Ambiente incontrato i rappresentanti della IIa Municipalità di Napoli per discutere la situazione dei rifiuti nei Quartieri Spagnoli

La commissione guidata da Marco Gaudini ha oggi incontrato i rappresentanti della IIa Municipalità di Napoli per discutere delle criticità della raccolta rifiuti in alcune aree dei Quartieri Spagnoli. E’ intervenuto, per Asia, l’ingegner Paolo Stanganelli.

 Un incontro sollecitato dall’assessore all’Ecologia e al Decoro urbano della IIa Municipalità di Napoli, Roberto Marino, per discutere di una situazione di costante disagio vissuta sul territorio dei Quartieri Spagnoli. Così il presidente Gaudini ha introdotto il problema che riguarda l’area compresa tra Via Pasquale Scura, Via Francesco Girardi e Piazzetta Parrocchiella dove si registra la presenza di numerosi cumuli di rifiuti in corrispondenza dei cassonetti lì collocati.

E’ un problema che non riguarda solo quell’area, ha spiegato Marino, evidenziando come il posizionamento dei cassonetti nel perimetro dei Quartieri Spagnoli ponga da sempre criticità, connesse sia all’intralcio alla circolazione che alla condotta impropria di quei residenti che conferiscono fuori orario i rifiuti, generando continuamente cumuli maleodoranti e scarso decoro. Nella zona compresa tra Via Pasquale Scura, Via Girardi e Piazzetta Parrocchiella, inoltre, si registrano altre criticità, perché sono strade al confine con una parte dei Quartieri Spagnoli dove è invece in vigore la raccolta differenziata porta a porta: accade spesso che coloro che non smaltiscono correttamente i rifiuti nella zona nella quale vige il porta a porta sversino in quei bidoni (attualmente sono 7 o 8, collocati l’uno accanto all’altro) anche i loro rifiuti, generando cumuli insostenibili. Una situazione che non si riesce a risolvere, ha confermato anche il consigliere municipale Luigi Petroli, per la quale è stata formulata una proposta: in attesa che entri in vigore anche in quella parte dei Quartieri Spagnoli la raccolta porta a porta, si potrebbero dotare i condomini di bidoncini carrellati per l’indifferenziata, solo così si potrebbe avviare un circuito positivo di autocontrollo e in parte risolvere i disagi denunciati.

Tra i consiglieri intervenuti, Francesco Vernetti (Dema) ha evidenziato l’importanza di estendere il porta a porta in tutta l’area proprio per evitare le situazioni indecorose delle “zone di confine”, ha suggerito inoltre la necessità di tracciare sulla carreggiata, in modo riconoscibile, gli stalli dei cassonetti, per evitare il ricorrente fenomeno dello spostamento improprio dei cassonetti e consentire la verbalizzazione dei trasgressori, necessarie inoltre misure per incoraggiare lo smaltimento di ingombranti in isole ecologiche non troppo distanti. Per Stefano Buono (Verdi – Sfasteriati) sono maturi i tempi per avviare una discussione su una legislazione nazionale che favorisca e incoraggi lo smaltimento dei rifiuti nelle isole ecologiche in cambio di incentivi economici per cittadini: solo trasformando lo smaltimento dei rifiuti in una risorsa si risolveranno questi problemi.

Nella replica l’ingegner Stanganelli ha chiarito cha al momento si registra un rallentamento degli impianti per lo smaltimento a valle dei rifiuti che si ripercuote sulla generale organizzazione dei servizi. Tuttavia l’azienda intende proseguire con gli obiettivi che si è prefissata, cercando di andare oltre il 37% di differenziata che oggi si registra. Un primo passo si farà proprio con l’assunzione di circa 200 ex lavoratori del Consorzio Unico di Bacino che tra il 1 giugno ed il 1 luglio 2018 dovrebbero prendere servizio in Asia. Grazie a queste nuove forze e alla parallela indizione di una gara per noleggio a freddo di nuovi automezzi, sarà possibile celermente riprendere il discorso dell’estensione del porta a porta per ulteriori 160.000 utenti. Stanganelli ha assicurato che non si tratta di tempi lunghi e che sicuramente entro il 2018 si potrà estendere il servizio a tutti i Quartieri Spagnoli, ai quali si è impegnato a dare priorità. Per queste ragioni si è detto contrario alla fornitura dei bidoncini carrellati per l’indifferenziata ai condomini, perché sarebbe un passo indietro rispetto alla filosofia aziendale che punta invece ad un incremento della differenziata.

Nelle conclusioni il presidente Gaudini ha registrato inoltre la disponibilità di Asia a predisporre, settimanalmente, isole ecologiche mobili nei Quartieri Spagnoli per il ritiro di ingombranti e l’impegno da parte dei rappresentanti delle Municipalità di Napoli a sensibilizzare i cittadini sul corretto conferimento dei rifiuti. Annunciato infine, da parte di Asia, un calendario di pulizie delle parti sottostanti alle campane che nelle prossime tre settimane interesserà la prima e la seconda Municipalità, per poi ruotare sugli altri territori.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania