Quantcast

Antonio Tonino Scala Castellammare di Stabia Liberi e Uguali
Sud - politica

Castellammare, Scala (LeU): “E’ allarme sicurezza in città, bisogna fare qualcosa subito!”

Tonino Scala: “Tutto questo non è un film. È allarme sicurezza a Castellammare: bisogna fare qualcosa, subito!  Oltre la camorra, la “camorrosità”

Castellammare di Stabia, così Tonino Scala, di LeU, si è’ espresso riguardo le vicende che stanno minando la sicurezza della città. In un comunicato a noi inviato, si legge: “Altro che Gomorra. Nella mia città da troppo tempo la realtà supera la fantasia cinematografica. Purtroppo tutto questo non è un film, ma è la dura e cruda quotidianità che paradossalmente sta portando assuefazione. Ieri notte, l’ennesimo atto di violenza: a Castellammare una violenta aggressione è stata consumata in un bar del centro, frequentato da tanti giovani, dai nostri figli. Solo l’ultimo di una lunga serie, che sta facendo diventare ordinaria questa straordinaria e inaudita escalation di violenza.”

Scala ribadisce come, solo 20 giorni fa, ci sia stato l’ennesimo caso di violenza, a cui si unisce quello di domenica mattina. Si legge: “Non è con la sola presenza delle forze dell’ordine che si risolvono i problemi; servono interventi di altro tipo e di altra natura. La questione è delicata, e necessita di interventi forti. La cultura della forza, della giungla senza regole, di una camorra intesa come cultura della prepotenza ormai entrata nella quotidianità di un territorio governato al discapito dei deboli, ha bisogno di iniziative radicali e decise. Ho ascoltato il racconto di persone presenti al vile gesto, che hanno riferito di una violenza gratuita, raccapricciante, che fa paura.”

Continua: “Se a questo aggiungiamo ciò che è accaduto durante la tornata elettorale, non solo per la compravendita dei voti, ma per il clima pesante vissuto in alcune zone della città e dalle relative inchieste riferite dai media, si può ben comprendere che la pervasività e l’arroganza della malavita è una priorità, rispetto ad una città che di priorità ne ha tante.”

“Oltre alla vera e propria camorra, si è affermato tra certi giovani un atteggiamento altrettanto pericoloso: la “camorrosità”, ovvero di praticare come abitudine la sopraffazione, la provocazione, la legge del più forte in quella che è diventata la giungla urbana stabiese. Un modus operandi che va contrastato con tutti i mezzi e al più presto, perché noi e soprattutto i nostri figli possano riappropriarsi della città e dei suoi luoghi di aggregazione.”

Così conclude il comunicato: “Al sindaco in carica da pochi giorni chiedo che si attivi per convocare ad horas la commissione per l’ordine e la sicurezza pubblica, per intervenire con la giusta urgenza. Nel contempo, di nominare in tempi brevi la giunta, e iniziare a lavorare facendo ripartire settori nevralgici come quello delle politiche sociali per intervenire in modo più strutturato e efficace, per provare a sradicare alla radice la mala pianta che si è annidata nel ventre di una città molle.”

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania