Quantcast

liberi e uguale castellammare di stabia tonino scala
Sud - politica

Castellammare, ecco le proposte di LeU per il rilancio del termalismo

Terme di Stabia fallite e devastate, Sint in liquidazione, Antiche Terme ristrutturate ma chiuse e già vandalizzate.

Castellammare di Stabia, sono mesi che la nuova amministrazione Cimmino, un’amministrazione di destra, si è insediata a Palazzo Farnese, e sembrerebbe che poco o nulla sia stato fatto in merito alle terme. Questo è quello che pare sia emerso da un comunicato di LeU, i quali richiedono all’amministrazione la stesura di un piano chiaro e preciso con cui affrontare la questione termalismo. In base al comunicato, si legge:

È troppo tempo che assistiamo inermi al fatto che le attività termali siano scomparse  dalla vita della città senza che nessuno di noi chieda con la necessaria insistenza spiegazioni.

Da tanto facciamo finta di non sapere che le strutture termali del Solaro sono state deturpate, vandalizzate con sistematica e costante violenza, senza che nessuno di coloro a cui competeva tutelare questo patrimonio  facesse quanto in suo dovere per impedirlo. Non ci accorgiamo, inoltre, che le Antiche Terme, la cui ristrutturazione è terminata nel 2010  – e che hanno anch’esse già subito danni  per effetto di furti e vandalizzazioni  –  sebbene non siano mai  state riaperte per far rivivere le attività termali nel centro antico, sono, invece, utilizzate in modo saltuario e solo  per spettacoli e attività varie.

Senza un progetto valido si continuerà a procedere alla cieca, si continueranno   a vendere pezzi di proprietà, a spendere risorse per consulenti  a spese della città e dei lavoratori termali . Per queste ragioni serve una svolta, e serve che si definisca un chiaro progetto; serve che la città si riappropri di questo tema, che eserciti un controllo e una vigilanza sulle azioni che auspichiamo si riescano a mettere in campo.

Noi siamo pronti a fare la nostra parte, proponiamo che in tempi rapidi il Consiglio Comunale approvi un atto d’indirizzo  che abbia al centro un percorso chiaro da seguire e che punti a sbloccare la situazione:

 

  • Sottoporre un quesito alla Corte dei Conti circa la possibilità di poter  trasferire in tempi rapidissimi al Comune  il patrimonio della Sint insieme ai debiti. Questa strada, considerato che, eliminando il debito con la banca per il mutuo,  il maggiore creditore rimarrebbe il Comune stesso per tributi non versati da Sint, consentirebbe di chiudere la liquidazione, di evitare la svendita del patrimonio e di avviare subito il progetto di rilancio.

 

Siamo consapevoli che la strada non sia semplice, ci sono problemi seri da risolvere e responsabilità da assumersi, anche la nostra proposta, – ne siamo consapevoli, richiede  una valutazione attenta  degli oneri  che ricadrebbero sul bilancio dell’Ente – compresi quelli derivanti dal trasferimento dei beni – ; ed è per queste ragioni che pensiamo che la via  del rapporto di collaborazione con la Corte dei Conti possa  aiutare a compiere le scelte giuste e ad evitare strade pericolose e insensate.

 

  • Richiedere contemporaneamente un tavolo con la Regione  per definire d’intesa, anche con l’ASL,  un percorso di collaborazione  che non escluda l’intervento anche dei privati  per il rilancio delle attività termali e per realizzare una forte, nuova e specializzata presenza nel campo della riabilitazione.

 

Oggi le Terme hanno bisogno di questo sostegno  e anche della possibilità di poter utilizzare risorse pubbliche e private per uscire dal baratro in cui sono precipitate.

 

  • Proporre che nell’immediato la collaborazione cominci a realizzare le condizioni per riaprire le Antiche Terme nel 2019. Far ripartire, anche se in modo graduale, le attività termali sarebbe un segnale forte non solo per i lavoratori ma per l’intera città e per il ruolo che da sempre Castellammare ha avuto nel settore del termalismo italiano.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania